Viste esplose: le nuove musiche di SJ Esau

sj esau

14 apr. – Exploding Views è un’espressione che può avere diverse interpretazioni: ce le ha illustrate SJ Esau, musicista di Bristol che ha chiamato così il suo ultimo album, presentato dal vivo la scorsa settimana al Modo e nei nostri studi con uno showcase.

Il primo modo di intendere il tit0lo ha a che fare con l’eclettismo di Sam Wisternoff, il vero nome del nostro ospite: quando venne a Maps l’ultima volta, infatti, ci raccontò di quanto fosse impegnato non solo con la musica, ma anche con i video. “Un’esplosione d’arte”, insomma, ma non solo. “Views”, infatti, è anche il modo di intendere le prospettive sulla vita: “I nostri modi di vedere le cose possono essere messi alla prova, addirittura fatti esplodere“. E infine il titolo si presta a un gioco di parole con “exploded view”, cioè “vista esplosa”: si tratta di quiel modo di rappresentare gli oggetti che li mostra, appunto, come se fossero esplosi, a fini didattici.

Ovviamente siamo andati oltre e abbiamo chiesto a SJ di ascoltare qualche canzone dal vivo. Come l’altra volta, il musicista britannico è del tutto autosufficiente e quello che sentirete qua sotto è tutto suonato (o mandato tra cavi, mixer, microfoni e altri macchinari) da Sam. Dopo il primo brano dello showcase, intitolato “Soul II Skull”, e notando un featuring di Doseone in un altro pezzo della tracklist dell’album, abbiamo chiesto a SJ che rapporti avesse con il mondo dell’hip hop, pensando di azzardare un collegamento inesistente: invece abbiamo scoperto che quando era “disgustosamente giovane” aveva azzardato esperimenti in tal senso. Ma Exploding Views non ha a che fare con la black music: tende alla psichedelia e al pop, non all’hip-hop, anche se, venendo da Bristol, SJ Esau non può essere rimasto indifferente al trip-hop. Ma forse è un altro gioco di parole…

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.