Terremoto in Abruzzo, morti e feriti, il bilancio continua a crescere

6 Apr. – Un terremoto di magnitudo 6,3 ha colpito alle 3.32 di questa notte la zona dell’Aquila, causando crolli di edifici e oltre 100 morti, ma il bilancio è destinato a crescere. Un’ora dopo c’é stata un’altra scossa, di magnitudo 4,7. Si scava tra le macerie per liberare le persone rimaste intrappolate. Il sisma è stato sentito molto forte anche a Roma, nel Lazio e nelle Marche. Già prima e dopo la mezzanotte due scosse avevano colpito la zona dell’Aquila,
interessata da alcuni mesi da uno sciame sismico.

Un altro sisma, di magnitudo 4,6 della scala Richter, aveva colpito ieri sera, alle 22.20, la Romagna ed era stato sentito nelle Marche e in altre regioni del centro e nord Italia. A Forlì e Cesena sono state decine le pesone che si saono riversate in strada, molta paura anche a Imola. L’epicentro è stato individuato nell’Appennino forlivese.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.