Tutti assolti per l’esplosione alla MarconiGomma

19 apr. – Tutti assolti per l’esplosione del 17 novembre 2008 alla MarconiGomma di Sasso Marconi. L’ha deciso il giudice Andrea Santucci al termine del processo che si è svolto con il rito abbreviato e vedeva imputati con l’accusa di omicidio e lesioni colpose, il direttore generale dello stabilimento Jader Righetti, il responsabile della sicurezza dell’azienda Tiziano Boselli  e il legale rappresentante della Arnaud, che fornì alla Marconigomma il prodotto chimico contenuto nella miscela che esplose all’interno di un macchinario. A processo c’erano anche le tre società di cui la ditta si compone, Marconigomma group, Marconi Special compounds e Marconi rubber compounds, a cui era imputata la responsabilità amministrativa. Quel pomeriggio mentre testavano una mescola per pneumatici persero la vita l’ing. Fabio Costanzi e l’operaio indiano Ramjas Yadav.

Il processo doveva accertare il nesso tra l’esplosione e le sostanze chimiche che quel giorno vennero miscelate. Secondo i pm era stata la formula che veniva miscelata nel “banbury” a causare l’esplosione. I familiari delle vittime sono stati risarciti e non si sono costituiti parte civile.

Le motivazioni si conosceranno tra 40 giorni e solo allora la Procura valuterà se fare appello. Il procuratore aggiunto Valter Giovannini sottolinea però che, dopo quell’incidente, è stato fatto un serio lavoro sui livelli di prevenzione all’interno dell’azienda di Sasso Marconi. La MarconiGomma ha una certificazione di sicurezza superiore a quella prevista dalla legge.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.