Trattativa facchini Granarolo. SiCobas: “Torniamo ai cancelli”

Bologna 23 giu. – In 13 mesi non è cambiato nulla, i 51 facchini licenziati da Sgb sono ancora in attesa della firma dell’accordo per la ricollocazione e minacciano di tornare ai cancelli di Granarolo e interporto. Questo è ciò che scrive il sindacato SiCobas in una lettera al Prefetto Ennio Maria Sodano, in merito alla vertenza che li contrappone a Legacoop e Cogefrin.
Il consorzio Sgb gestiva in appalto i magazzini di Granarolo e Cogefrin e lì, davanti ai cancelli, i facchini hanno portato avanti una dura lotta contro i licenziamenti bloccando i camion in arrivo e in partenza.

Un accordo sul piatto sembrava ci fosse ma per il sindacato di base è ancora tutto molto vago. I SiCobas riportano la disponibilità di Legacoop ad un accordo economico, “senza indicare un posto dove ricollocare i 28 lavoratori ancora senza occupazione“. Cogefrin invece sembra essere intenzionata, sempre stando alla lettera, a proporre una ricollocazione di 8 lavoratori e il pagamento di due esodi.

Tiziano Tassoni di Legacoop, spiegano ancora  i SiCobas, propone ore di firmare in sede prefettizia un documento in cui si promette entro fine luglio la ricollocazione dei dipendenti licenziati. Ma, dicono, è “una promessa generica”.

I SiCobas chiedono di avere la certezza della ricollocazione per 37 facchini (9 di loro già riassunti), oppure porteranno “un presidio di fronte ai cancelli Granarolo”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.