Totonomi nel Pd: nuove proposte e cavalli di ritorno

26 ott. – Dopo il ritiro di Maurizio Cevenini nel Partito Democratico si cerca un nuovo candidato alle primarie. Alcuni nomi erano già entrati in scena prima della candidatura del Cev e ora tornano in gioco. Gianmario Anselmi per esempio che aveva ritirato la sua candidatura per appoggiare Cevenini. Ora però “tutto si azzera e si deve ricominciare da chi era in campo”, come dice lui stesso, citando anche Duccio Campagnoli che ancora non si è espresso.

Tra i nomi citati ma mai entrati in campo c’è quello del segretario della Cisl, Alessandro Alberani, che dice di essere “una risorsa in campo come ce ne sono altre. Io non ho fatto una scelta di carriera, ma di servizio ai problemi sociali della città”.

Si irrobustisce l’ipotesi di un candidato che arrivi dall’interno del Partito Democratico. In questo caso il più citato è il vicepresidente della Provincia Giacomo Venturi. Venturi ha di fatto alzato la mano dichiarando che “Dobbiamo essere tutti disponibili e metterci a disposizione del Pd perché si realizzi un grande progetto su Bologna.”

In serata cala l’asso anche Virginio Merola: l’ex assessore della giunta Cofferati “alza la mano” e si candida ufficialmente . Non solo, chiede di essere il candidato unico del Pd, cercando di ricompattare tutto il partito dietro di lui, impresa che si presenta assai ardua.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.