Terremoto. Salve le buste paga dei lavoratori

17 dic.- Se all’emendamento approvato oggi in commissione bilancio al Senato non verranno fatti brutti scherzi (come accaduto 15 giorni fa quando lo stesso emendamento è stato tolto dal Governo in sede di voto di fiducia del decreto sui costi della politica) le buste paga dei lavoratori delle zone colpite dal terremoto del 20 e 29 maggio saranno salve. I contributi non versati dalle aziende per sei mesi non saranno prelevati in un’unica soluzione ma verranno dilazionati in modo che non possano eccedere il quinto dello stipendio. In questo modo non ci saranno buste paga dimezzate, rischio che era stato denunciato dai sindacati. L’emendamento, presentato dai senatori Rita Ghedini e Giuliano Barbolini del Pd, prevede anche il riconoscimento del danno economico alle imprese colpite dal sisma è passato con voto bipartisan.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.