Terremerse. Tar: il contributo da un milione va restituito alla Regione

terremerse

Cantina dei Colli Romagnoli

Bologna, 19 dic. – Terremerse dovrà restituire il milione di euro ottenuto dalla Regione come contributo per la costruzione della cantina di Imola.

Il Tar di Bologna ha così bocciato il ricorso contro la decisione della Regione di revocare il finanziamento dopo che si era aperto un processo penale perché si scoprì che il capannone per cui era stato ottenuto il contributo non era stato ultimato nei tempi previsti. Processo che vide imputato (e poi assolto) lo stesso presidente della Regione, Vasco Errani, fratello dell’allora presidente di Terremerse, Giovanni.

L’accusa contro Errani era di falso ideologico per avere consegnato nell’ottobre 2009 alla Procura di Bologna che indagava sul fratello una relazione sulla vicenda piena di date imprecise, giudicate falsità intenzionali dagli inquirenti. Giovanni Errani, invece, è stato rinviato a giudizio per truffa aggravata: il processo si terrà a marzo 2014 e vede imputati anche a Gian Paolo Lucchi, progettista, e ad Alessandro Zanotti responsabile della sicurezza. Per il Tar vale quanto accertato dalla Regione in base alla documentazione fotografica del 28 aprile 2006, pochi giorni prima della data in cui i lavori del capannone di Imola dovevano essere ultimati, ovvero il 31 maggio dello stesso anno.

Terremerse è stata, nel frattempo, incorporata nella Cantina dei Colli Romagnoli: sarà quest’ultima a dover restituire il contributo. Non dovrà invece pagare gli interessi, pari a 354.000 euro, e non dovrà, secondo la decisione del Tar,  essere sospesa per tre mesi da ulteriori agevolazioni.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.