Sonorità di confine e sperimentazione: a Ravenna torna Transmissions Festival

Bologna, 23 nov. – Sonorità di confine e sperimentazione musicale, sono queste le coordinate in cui si muove Transmissions Festival che torna a Ravenna per l’edizione numero dieci, da venerdì 24 a domenica 26 novembre, uno dei festival più apprezzati anche a livello internazionale, che deve la sua fama all’idea di affidare ogni anni la curatela a un artista diverso: negli anni si sono alternati alla direzione artistica Stephen O’Malley (Sunn O)))), Daniel O’Sullivan (Ulver), Nico Vascellari e Bruno Dorella, solo per citarne alcuni, mentre quest’anno, in occasione dei 10 anni, il comando torna a Chris Angiolini, fondatore del Bronson, e creatore del festival.

Ed è proprio Chris Angiolini ai microfoni di Piper a rivelarci l’anima della line-up “fatta di tutti musicisti che fanno della ricerca del suono e del suono nell’ambiente, la propria peculiarità”. Tra gli headliner la band norvegese Ulver, “il cui percorso, che passa dal balck metal fino a questa visione glaciale degli anni ’80, rappresenta bene l’anima del festival e sono personalmente molto contento di averli con noi”.

A chi si abbonerà al festival (3 giorni 30€) in regalo una serigrafia del musicista ed artista inglese Alexander Tucker, che quest’anno ha curato  l’Artwork di Transmission dove si vedono due figure sospese, “fuori dalla gravità” così come i musicisti che quest’anno si esibiranno a Ravenna.

Ascolta l’intervista a Chris Angiolini

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.