Sisma. Beni culturali danneggiati per oltre un miliardo

29 apr. – A quasi un anno dal terremoto dell’Emilia, la soprintendente regionale per i Beni culturali e paesaggistici Carla Di Francesco corregge la stima dei beni culturali danneggiati: non 2 miliardi, ma senz’altro più di 1 un miliardo. Sono circa 1.600 (più o meno altrettanti i beni pubblici e privati), comprese 532 chiese dentro e fuori l’area del cratere.

Ascoltacarla di francesco_130429

“Stiamo lavorando con gli uffici del commissario, della Regione, delle diocesi e con il coordinamento dei Comuni al programma degli interventi di ricostruzione, ai sensi della legge 16 del 2012″, ha spiegato questa mattina Di Francesco. A novembre è stato completato il recupero delle opere d’arte dentro le chiese danneggiate. Nei cantieri finora aperti sono state fatte le opere di messa in sicurezza, rimozione delle macerie e coperture provvisorie; fra i siti più importanti la sovrintendente cita S. Francesco a Mirandola, finanziata dal ministero, e quella del duomo sostenuta dai fondi del commissario. Cantieri anche in 30 chiese poco danneggiate e altrettanti in fase di autorizzazione.

Di Francesco ha fornito queste informazioni a margine della conferenza stampa che si è svolta questa mattina nella sede dell’Arcidiocesi di Bologna per presentare un protocollo sull’alienazione dei beni ecclesiastici costruiti più di 70 anni fa. La novità dell’accordo siglato con via Altabella, e presentato insieme al cardinale Carlo Caffarra, è la possibilità di presentare la richiesta di messa in vendita nello stesso momento in cui viene fatta la verifica di interesse culturale, prevista per legge.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.