Serial K – Le serie Tv in Radio – Episodio 31 (s04) – Speciale Serial K Midseason Awards 2018: “Gran Top”

31 - teaser podcast radio midseason awards radio serial k

Serial K – Le serie Tv in Radio – Episodio 31 (s04) – Speciale Serial K Midseason Awards 2018: “Gran Top”

Ci siamo, ultima puntata dell’anno per Serial K – Le serie tv in radio!

Benvenuti a “Gran Top”, la nostra tradizionale puntata dedicata ai Premi di metà stagione televisiva in cui celebreremo il #Poverone, la #Bravissima e il #Terranova dell’Estate 2018 e in cui vi daremo la nostra Top Ten delle #serietv dei primi 6 mesi del 2018! E vi daremo le anticipazioni che non siamo riusciti a darvi l’altra volta di #Netflix#Amazon e #Hulu!

Bando alle ciance che altrimenti ci viene da piangere: di seguito, subito sotto il file del podcast, trovate tutte le classifiche e tutte le anticipazioni 2018 delle serie di Netflix, Amazon e Hulu.

Serial K – Le serie tv in radio finisce qui per quest’anno. Andiamo un po’ in pausa che è estate!

Grazie mille a tutti voi per averci ascoltati e aver reso bellissima questa stagione 2017/2018.

Grazie a Radio Città del Capo, a Subspedia e a Seriangolo!
Domani come sempre podcast e una supernota con elenco serie e classifiche!!! 
Buone Vacanze!

Intanto, tutto per voi, il podcast di “Gran Top”:

      Gran Top - Serial K Le Serie tv in Radio

 

DOWNLOAD

 

Ecco a voi le classifiche di metà stagione (televisiva) e di fine stagione (radiofonica) di Serial K – Le serie tv in Radio. Con l’aggiunta degli #upfront 2018 di #Netflix, #Amazon e Hulu. Una puntata interamente dedicata al meglio e al peggio di questa annata televisiva: Premio Poverone 2018, Premio Bravissima 2018, Premio Terranova 2018, e la Top Ten dell’estate 2018!
Partiamo subito con le Classifiche. E a seguire gli upfront #Netflix, #Amazon e #Hulu
Ricordiamo velocemente le regole: partecipano solo le serie e i protagonisti che sono state sullo schermo in questo anno. Per questa edizione dei premi abbiamo comunque deciso di effettuare le votazioni con una modalità un po’ diversa. Abbiamo infatti fatto una classifica Rookies, ovvero delle serie che hanno esordito in questa stagione televisiva e che sono comunque finite nel 2018, e una classifica Veteran, ovvero delle serie che prima di questa stagione erano già state sullo schermo. Dall’unione delle 2 è scaturita la nostra classifica finale. Partiamo però, come sempre, dai Premi a Poveroni, Bravissime e Terranova.

 

Premio Poverone ESTATE 2018

Nominations in ordine sparso:
I vincitori:
3° posto: RYAN KWANTEN (THE OATH) https://www.imdb.com/name/nm0477127/?ref_=nv_sr_1
2° posto: CHANNING TATUM (COMRADE DETECTIVE) https://www.imdb.com/name/nm1475594/?ref_=nv_sr_1
1° posto: OSHO (WILD WILD COUNTRY) https://www.imdb.com/name/nm1099569/?ref_=nv_sr_1

 

Premio Bravissima ESTATE 2018

Nominations in ordine sparso:
Le vincitrici:
3° posto: KRISTEN BELL (THE GOOD PLACE) https://www.imdb.com/name/nm0068338/?ref_=nv_sr_1
2° posto: CAITRIONA BALFE (OUTLANDER) https://www.imdb.com/name/nm1495520/?ref_=nv_sr_1
1° posto: CHRISTINA HENDRICKS (GOOD GIRLS) https://www.imdb.com/name/nm0376716/?ref_=nv_sr_1

 

Premio Terranova ESTATE 2018

Nominations in ordine sparso:
I vincitori:
3° posto: JESSICA JONES – STAGIONE 2 (US) https://www.imdb.com/title/tt2357547/?ref_=nv_sr_2
2° posto: 13 REASONS WHY – STAGIONE 2 (US) https://www.imdb.com/title/tt1837492/?ref_=nv_sr_1
MENZIONI SPECIALI:

 

Premio Serial K – Estate 2018 – Le 10 migliori serie dell’anno

1. #ATLANTA – 2 STAGIONE – FX (US) – 37 PUNTI
https://www.imdb.com/title/tt4288182/?ref_=nv_sr_1
3. #THEAMERICANS – 6 STAGIONE – FX (US) – 26 PUNTI
    https://www.imdb.com/title/tt2149175/?ref_=nv_sr_1
    #HAPPY – 1 STAGIONE – SYFY (US) – 26 PUNTI
    https://www.imdb.com/title/tt2452242/?ref_=nv_sr_1
4. #KILLINGEVE – 1 STAGIONE – BBC AMERICA (US) – 25 PUNTI
    https://www.imdb.com/title/tt7016936/?ref_=nv_sr_1
    #THEGOODFIGHT – 2 STAGIONE – CBS ALL (US) – 25 PUNTI
    https://www.imdb.com/title/tt5853176/?ref_=nv_sr_1
6. #JANETHEVIRGIN – 4 STAGIONE – THE CW (US) – 18 PUNTI
    https://www.imdb.com/title/tt3566726/?ref_=nv_sr_1
7. #FAUDA – 2 STAGIONE – NETFLIX (US) – 17 PUNTI
    https://www.imdb.com/title/tt4565380/?ref_=nv_sr_1
    #COBRAKAI – 2 STAGIONE – YOUTUBE RED (US) – 17 PUNTI
    https://www.imdb.com/title/tt7221388/?ref_=nv_sr_1
8. #INSIDENO9 – 4 STAGIONE – BBC (UK) – 16 PUNTI
    https://www.imdb.com/title/tt2674806/?ref_=nv_sr_6
9. #COUNTERPART – STAGIONE 1 – STARZ (US) – 15 PUNTI
    https://www.imdb.com/title/tt4643084/?ref_=nv_sr_1
10. #PATRICKMELROSE – SHOWTIME (US) – 14 PUNTI
      https://www.imdb.com/title/tt6586318/?ref_=nv_sr_1

 

E questi sono, in ordine, gli esclusi dalla Top Ten.
12. #BARRY
#THEENDOFTHEF***INGWORLD

 

Ecco gli ultimi upfront:

Netflix

Insatiable
Alyssa Milano torna in televisione con una serie drammatica a tinte soap/dark comedy che era in cantiere per The CW che non l’ha confermata, ma è stata salvata da Netflix che ha ordinato 13 episodi. Pare che il pilot fosse molto valido, ma gli siano state preferite Dynasty e Valor (tirate voi le vostre conclusioni…). Scritta e prodotta da Lauren Gussis (già showrunner di Dexter) è basata sulla storia vera dell’avvocato Bill Alverson, tra i coach di concorsi di bellezza più famosi degli Stati Uniti. Il protagonista di Insatiable è Bob (Dallas Roberts), un avvocato civile caduto in disgrazia e frustrato dalla propria vita che decide di diventare un coach per i concorsi di bellezza partendo dal caso di Patty (Debby Ryan), un’adolescente vendicativa che è stata vittima di bullismo. Alyssa Milano sarà Coralee, la moglie di Bob. Boh.
Chilling Adventures of Sabrina
Nel reboot targato Netflix di “Sabrina, Vita da strega”, il titolo ufficiale sarà Chilling Adventures of Sabrina – che riprende il titolo del fumetto originale. Le ambientazioni cupe, la stregoneria ed altri elementi horror la faranno da padrone in modo molto diverso, pare, rispetto allo stile comedy della serie originale; metà strega e metà umana, Sabrina deve combattere contro le forze malvagie che minacciano lei, la sua famiglia e tutti gli esseri umani che non fanno parte del mondo magico. Kiernan Shipka di Mad Men sarà Sabrina e Netflix ha già ordinato ben due stagion. Lo showrunner è Roberto Aguirre-Sacasa(Riverdale e autore del fumetto, illustrato da Robert Hack) mentre tra i produttori esecutivi c’è Greg Berlanti.
Maniac
C’è molta curiosità e aspettativa per Maniac, con Emma Stone e Jonah Hill, diretta da Cary Fukunaga. Maniac è il remake dell’omonima serie norvegese, molto apprezzata dalla critica, e racconta la storia di due ragazzi mentalmente instabili che vivono in un ospedale psichiatrico in cui danno vita a mondi paralleli in cui vivono avventure impensabili. Nel cast c’è anche Justin Theroux, onnipresente, con una piccola parte di Sally Field.
Ratched
Primo progetto della collaborazione tra Ryan e Netflix, Ratched è il prequel di Qualcuno volò sul nido del cuculo, che si concentra sulla tremenda infermiera Ratched, interpretata nel film da Louise Fletcher ma qui incarnata da Sarah Paulson. Le prime quattro stagioni della serie seguiranno la storia delle origini di Sarah Ratched. Come è diventata una specie di Hannibal Lecter? Cosa le è accaduto per indurirsi così? Sarà una storia femminista che vedrà Sarah Paulson contro villain uomini ogni anno, a partire dal 1947 e seguendo i grandi cambiamenti nel sistema sanitario negli anni ’40, ’50, ’60; pare che l’ultima stagione dello show vedrà un confronto tra Sarah e Randle Patrick McMurphy, il personaggio di Jack Nicholson nel film. Michael Douglas sarà uno dei produttori della serie. C’è bisogno di dirlo? Serie dell’anno prossimo a busta chiusa.
The Ballad of Buster Scruggs
La serie antologica dei fratelli Coen di genere western (o post-western) nello spirito del loro Il Grinta consterà di sei «storie». Gli attori già arruolati includono James Franco, Liam Neeson e Tim Blake Nelson. Le brevi sinossi delle sei parti sono le seguenti: La prima ha come protagonista un cowboy cantante e si intitolerà Buster Scruggs. Near Algodones seguirà un vagabondo, il suo impegno nell’occuparsi di una mandria di bovini, il suo legame con il proprio cane, e i tentativi di rapinare una banca. Meal Ticket racconterà quanto accade a un attore e un impresario di uno show itinerante. All Gold Canyon parla di un cercatore d’oro che trova finalmente quello di cui è alla ricerca ma si imbatte in un malfattore. The Gal Who Got Rattled ruoterà intorno a due capi dell’Oregon Trail e a una donna che si trova in un vagone e ha bisogno dell’aiuto di uno di loro, diventando un potenziale interesse sentimentale per l’altro. The Mortal Remains sarà infine dedicato a cinque diversi viaggiatori a bordo di una diligenza con destinazione un luogo misterioso. Joel ed Ethan si occuperanno della produzione, della sceneggiatura e della regia
The Umbrella Academy
The Umbrella Academy, fumetto dello sceneggiatore e musicista Gerard Way (cantante dei My Chemical Romance) e del disegnatore Gabriel Bá pubblicato da Dark Horse dal 2007, diventerà una serie tv per Netflix. Sarà composta da 10 episodi e segue le vicende di un gruppo di supereroi che si riunisce dopo la morte del padre adottivo di tutti loro, un alieno camuffatosi da imprenditore con l’intento di salvare la Terra. Ellen Page è Vanya, che – a causa della sua mancanza di poteri – viene esclusa dalla sua famiglia, considerata come la pecora nera. Nei primi fumetti, Vanya viaggia alla ricerca della scoperta di se stessa mentre è in conflitto con gli altri supereroi della sua famiglia. Tom Hopper (Game of Thrones) interpreta Lutero, alias Spaceboy. Ha una super forza, e dopo un incidente durante una spedizione su Marte, la sua testa è stata trapiantata sul corpo di un gorilla. Emmy Raver-Lampman (Hamilton) nel ruolo di Allison, alias The Rumor, può alterare la realtà, mentendo. David Castaneda (Blindspot) è Diego, alias The Kraken. Può trattenere il respiro sotto acqua fin quanto vuole ed è un esperto lanciatore di coltelli. Robert Sheehan (Misfits) vesti i panni di Klaus aka The Seance. I suoi poteri si manifestano solo quando è scalzo e includono levitazione, telecinesi e la capacità di comunicare con i morti. Aidan Gallagher (Nicky, Ricky, Dicky & Dawn) è Number Five, nome in codice di The Boy. Può viaggiare nel tempo e non invecchia mai. Prodotto da Universal Cable Production, Steve Blackman (Fargo) sarà showrunner e produttore esecutivo.
Messiah
Messiah sarà ambientata nel 21esimo secolo e sarà un thriller politico che racconterà la reazione del mondo ad un uomo del Medio Oriente che sta creando un’ondata di seguaci e che dice di essere mandato direttamente da Dio. È davvero quello che dice di essere oppure è un pericoloso ciarlatano? La risposta a questa domanda si snoda per ben 10 episodi ed è raccontata attraverso il punto di vista di diversi personaggi (inclusi un agente dei servizi segreti americani, un rifugiato palestinese, un ufficiale israeliano, un predicatore latino americano e sua figlia). Michelle Monaghan sarà Eva Geller, un’agente dei servizi segreti americani contro Al-Masih (Mehdi Dehbi), un figura politico-religiosa incendiaria che emerge dalla Siria e la cui influenza sta crescendo, tenace e determinata a dimostrare di avere ragione, Eva va fino ai confini della Terra per perseguire questa sfuggente figura mentre combatte anche la verità sulle sue stesse convinzioni morali. Presenti anche gli attori Tomer Sisley (Come ti spaccio la famiglia) e John Ortiz (Togetherness). Interpreteranno rispettivamente Avrim Dahan, l’agente della Shin Bet, descritto come un uomo amareggiato, violento, aggressivo e non credente che sta lottando per la protezione del suo paese e ha fatto cose indicibili nella lotta contro il terrorismo; e Felix, il predicatore, un uomo umile e intelligente che, benedetto da una grande fede e da una famiglia amorevole, guida una piccola congregazione in una città di confine del Texas e vede la sua esistenza normale e senza pretese travolta dal caso Al-Massih.
Sex Education
Gillian Anderson tornerà in TV per una serie di Netflix in cui interpreterà una terapista del sesso: lo show si chiama Sex Education ed ha come co-protagonista il giovane Asa Butterfield (Hugo Cabret). Butterfield avrà il ruolo di Otis Milburn, un impacciato teenager figlio di Jean, il personaggio della Anderson, il cui lavoro si rivelerà sorprendentemente utile ad Otis per ottenere popolarità a scuola. La creatrice è Laurie Nunn, mentre la regia è affidata a Ben Taylor. Si tratterà di una serie in 8 capitoli, nei quali seguiremo Otis mentre, insieme alla compagna di scuola Maeve (Emma Mackey) danno vita ad una “clinica clandestina per la terapia del sesso per aiutare gli studenti ad affrontare i loro problemi più strani e meravigliosi”. La sinossi ufficiale aggiunge: “Circondato da manuali, video e conversazioni aperte sul sesso, Otis è un riluttante esperto in materia. Quando la sua vita domestica diventa di dominio pubblico a scuola, Otis capisce che può usare la sua conoscenza da specialista per diventare popolare”.

Amazon

Homecoming
Protagonista l’attrice Julia Roberts e il progetto sarà prodotto da Universal Cable Productions e composto da episodi della durata di 30 minuti. A produrre e dirigere lo show sarà Sam Esmail, il creatore di Mr. Robot. La sceneggiatura sarà invece firmata dai creatori del podcast: Eli Horowitz e Micah Bloomberg. La serie si ispira all’omonimo podcast di Gimlet Media e racconterà la storia di un’assistente sociale che lavora in una struttura segreta del governo e di un soldato che vuole ritornare a vivere un’esistenza normale. Fanno parte del cast anche Stephen James e Bobby Cannavale.
The Romanoffs
Attesa al varco la nuova serie antologica di Matthew Weiner, creatore di Mad Men purtroppo coinvolto nell’ondata dello scandalo Weinstein. Sembra che, nonostante altrove vi siano stati ciak bloccati e patemi d’animo, The Romanoffs vedrà comunque la luce. Pochi lumi sulla trama dello show che vedrà coinvolti vari sedicenti discendenti della nobile famiglia Romanov al giorno d’oggi. Altri dettagli noti sono che la prima stagione consterà di otto episodi ciascuno con il suo cast, le sue premesse e la sua storia: i personaggi saranno comunque tutti uniti dal fil rouge annunciato dal titolo che storpia il cognome dei sovrani russi giustiziati di proposito. Nel cast Isabelle Huppert, Diane Lane, Christina Hendricks e Amanda Peet e a vari livelli, 14 persone già legate alla produzione di Mad Men.
Untitled Fred Armisen/Maya Rudolph comedy series
is an upcoming American single-camera half hour comedy series created by Alan Yang (Parks and Rec, Masters of None) and Matt Hubbard (30 Rock) and starring “Saturday Night Live” alums Fred Armisen and Maya Rudolph. The untitled series will follow “a long-term married couple residing in Southern California.”
Tong Wars
An hour-long drama written and executive produced by Paul Attanasio and directed by decorated Hong Kong filmmaker Wong Kar Wai. The series is set against the Tong Wars of 19th century San Francisco and tells a story spanning a significant period of time about Chinese immigrants and the clashes between organized-crime families in the city’s Chinatown.
Good Omens
La trasposizione del celebre romanzo “Buona apocalisse a tutti!” di Neil Gaiman e Terry Pratchett in 6 puntate: uno dei romanzi horror-fantasy sulla fine del mondo più famosi in Inghilterra, è nelle mani di due attori incredibili come Michael Sheen e David Tennant. Ad annunciarlo sia Amazon che la lancerà globalmente su Prime nel 2019 sia la BBC Studios che la produce. La storia racconta di un angelo, Aziraphale, interpretato da Sheen, piuttosto esigente e un venditore di libri rari, mentre Tennant interpreterà il suo antagonista, il demone Crowley. Entrambi hanno vissuto tra i mortali della Terra fin dall’Inizio e ne sono diventati piuttosto appassionati dello stile di vita, rimanendo pur essendo su fronti contrapposti in buoni rapporti. Quindi è una notizia davvero terribile per entrambi che, se il Paradiso e l’Inferno continuano per la loro strada, il mondo finirà Sabato. Sabato prossimo, infatti. Poco prima di cena. Gli eserciti del Bene e del Male si mobiliteranno, Atlantide si alzerà, le Tenebre saranno in fiamme. I Quattro Cavalieri dell’Apocalisse sono pronti a cavalcare. Tutto sembra andare secondo il Piano Divino. Ma un attimo… qualcuno sembra aver smarrito l’Anticristo. Alla regia è stato chiamato Douglas Mackinnon, i cui credits includono Doctor Who, Outlander e Sherlock: The Abominable Bride.
Too Old To Die Young
Crime-drama che esplora la malavita losangelina attraverso le vite e i percorsi di alcuni personaggi che da killer diventano samurai nella Città degli Angeli, creato dal regista danese Nicolas Winding Refn. Nel cast, in 10 episodi, troviamo Miles Teller, John Hawkes, Cristina Rodlo, Callie Hernandez, Jena Malone, Nell Tiger Free, Augusto Aguilera, Billy Baldwin e Babs Olusanmokun. Lo show è firmato da Refn insieme al fumettista Ed Brubaker. Refn ha mostrato in esclusiva un breve teaser della durata di quasi 2 minuti che contiene una moltitudine di immagini che i fan dell’autore riconosceranno come tipici del suo inconfondibile stile visivo. Autostrade notturne, colori lividi, luci al neon, sangue, violenza, spari, personaggi in pose plastiche con sorrisi beffardi.
Undone
Amazon ha deciso di intraprendere la strada dell’animazione per adulti ordinando Undone, serie che sarà firmata dal team dietro a BoJack Horseman. Allo show lavorerà Raphael Bob-Waksberg e lo studio Tornante Company di Michael Eisner. Amazon ha ordinato la serie senza passare per il pilot e ingaggiando Rosa Salazar (Maze Runner, Alita: Angelo della battaglia) fra le voci protagoniste. La serie è co-creata da Bob-Waksberg e dall’autrice produttrice di BoJack Horseman Kate Purdy, che grazie alla commedia Netflix ha conquistato un WGA Award.
Undone è una commedia drammatica composta da episodi di trenta minuti che esploreranno la natura elastica della realtà attraverso gli occhi di Alma, protagonista interpretata da Rosa Salazar. Dopo essere rimasta coinvolta in un incidente automobilistico quasi mortale, Alma scopre di avere una relazione tutta nuova con il tempo e decide di usare questa sua abilità per svelare la verità dietro la morte del padre. Nel cast ci sarà anche Angelique Cabral (Life in Pieces), che darà voce alla sorella più giovane di Alma.
Underground Railroad
Il vincitore dell’Oscar Barry Jenkins (Moonlight) dirigerà tutti gli 11 episodi della serie limitata Underground Railroad, basata sul romanzo bestseller omonimo di Colson Whitehead, che ha vinto un premio Pulitzer un mese dopo che Amazon ha acquistato l’adattamento. Il libro, che ha attirato l’elogio critico per il suo fantasioso connubio tra storia e favola magica – oltrepassando i confini del realismo nella raffigurazione di un mitico treno sotterraneo che trasporta gli schiavi attraverso un’America alternativa – è stato anche vincitore del Premio Nazionale (americano) letterario nel 2016.Underground Railroad, che sarà distribuita su Amazon Prime Video, è incentrata sulla giovane Cora, schiava di una piantagione di cotone in Georgia. La vita è un inferno per tutti gli schiavi, ma soprattutto per Cora, reietta anche tra i suoi compagni africani. La giovane protagonista sta diventando donna e ancora più dolore la attende. Quando Cesar, un recente arrivo dalla Virginia, le parla della Underground Railroad, decidono di correre un rischio terrificante e di scappare.
The Boys
Dopo Preacher, Seth Rogen and Evan Goldberg potrebbero ancora pescare, con canna fornita da Sony, da un fumetto di Garth Ennis: The Boys si svolge in un mondo dove i supereroi sono dei corrotti senza scrupoli che vengono per questo presi di mira da un gruppo di vigilantes noto come The Boys, dal linguaggio sboccato e dai modi assai spicci.

Hulu

Four Weddings and a Funeral
Mindy Kaling, reduce dalla chiusura del suo grande successo The Mindy Project, si misura di nuovo con una commedia romantica con un remake di 4 matrimoni e un funerale, classico della commedia inglese con Hugh Grant e Andie MacDowell. La struttura è la stessa del film, ma non si sa nulla di più su interpreti e trama. Di sicuro c’è che la Kaling è bravissima e il materiale di partenza è una bomba.
Light as a Feather
Serie horror/teen che si basa su una storia scritta da Zoe Aarsan, che sulla piattaforma Wattpad Studios (il social network dedicato alla scrittura dove ogni suo iscritto può creare contenuti) è già stata letta più di 2.9 milioni di volte. Creato da Lee Fleming Jr., veterano delle commedie teen, segue cinque ragazze adolescenti che si occupano delle conseguenze sovrannaturali derivanti da un innocente gioco di Light as a feather, stiff as a board (un gioco che i ragazzini americani fanno spesso ai Pigiama Party). Mmmmmm.
PEN15
Commedia con episodi di mezz’ora, interpretata da Maya Erskine(Casual) e Anna Konkle(Rosewood). Incentrata sulle vicende degli studenti di una scuola media, punta tutto su una comicità per adulti senza freni e senza censure sulle situazioni che possono capitare nella vita di un preadolescente; ideata dalle stesse Erskine e Konkle (già creatrici di Man Seeking Woman) insieme a Sam Zvibleman che ne dirigerà alcuni episodi, il progetto arriva dalla fucina di talenti Lonely Island guidata da Andy Samberg, Akiva Schaffer e Jorma Taccone e il suo stile fortemente sui generis è ben evidente dal fatto che Erskine e Konkle interpreteranno loro stesse da tredicenni. The First
Anche se non c’è ancora una data precisa nel 2018 vedremo The First serie tv con Sean Penn. La nuova serie tv è divisa in otto episodi e sarà ambientata in un futuro prossimo, durante quella che è considerata la 1 missione umana su Marte. Oltre ad assistere al viaggio del team nello spazio e al primo atterraggio umano su Marte, conosceremo le storie di chi aspetta il team sulla terra, le loro famiglie e i loro amici. Protagonista sarà Sean Penn, nel ruolo di un astronauta della NASA. Da quanto abbiamo appreso dalla sinossi ufficiale la storia di The First “è una storia sullo spirito umano, sull’indomito bisogno di raggiungere orizzonti sconosciuti. Riguarda persone che lavorano per il più grande progetto pionieristico della storia umana e sul costo di quella missione, sul pericolo e il sacrificio emotivo, psicologico e fisico che sono necessari per raggiungerlo. Persone ordinarie e imperfette che si uniscono per arrivare a qualcosa di straordinario”.
Catch-22
Kyle Chandler (Friday Night Lights e Bloodline) è stato scelto come protagonista, al fianco di Christopher Abbott, di Catch-22, serie limitata di Hulu co-diretta e prodotta da George Clooney e Grant Heslov. Chandler interpreterà il colonnello Cathart, ruolo che, originariamente, avrebbe dovuto interpretare lo stesso George Clooney. L’attore e regista premio Oscar, invece, interpreterà il personaggio minore di Scheisskopf,. Scritto da Luke Davies e David Michôd, Catch-22 è basata sul romanzo omonimo di Joseph Heller, uscito in Italia con il titolo di Comma 22. Ambientata in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale, Catch-22 racconta la storia dell’abile Yossarian (Abbott), bombardiere dell’Aviazione americana furioso perché migliaia di persone che non ha mai incontrato stanno cercando di ucciderlo. Il suo vero problema, però, non è rappresentato dal nemico, quanto piuttosto dal colonnello Cathcart (Chandler), che continua ad aumentare il numero di missioni che gli uomini devono svolgere per completare il loro servizio e poter tornare a casa. Il punto è che se Yossarian tentasse di aggirare in qualche modo i suoi doveri militari, violerebbe la Catch-22, una sinistra, quanto strana, regola burocratica che specifica che un uomo è considerato pazzo se continua a compiere delle pericolose missioni di combattimento, ma la richiesta di essere sollevati dal proprio dovere viene considerata come una prova di sanità mentale e pertanto renderebbe il richiedente ineleggibile ai fini dell’esenzione dallo stesso dovere militare. In pratica, la miniserie di Hulu andrà ad analizzare il paradosso dei militari mentalmente inadatti a volare ma a cui veniva dato comunque il permesso di farlo, mentre coloro che chiedevano di smettere di volare, perché si sentivano non adatti a farlo, venivano considerati sufficientemente sani da volare.
Little Fires Everywhere
Dopo Big Little Lies – la cui seconda stagione sta per entrare in produzione – c’è un’altra miniserie nel futuro di Reese Witherspoon: l’attrice americana, infatti, interpreterà Little Fires Everywhere insieme a Kerry Washington, ed entrambe ricopriranno la carica di produttrici esecutive con i rispettivi studios (Hello Sunshine e Simpson Street), cui si aggiunge ABC Signature Studios. La showrunner sarà Liz Tigelaar (Life Unexpected, Casual), anche lei produttrice esecutiva. l progetto è basato sul bestseller di Celeste Ng e ambientato negli anni ’90 nella sofisticata comunità di Shaker Heights, in Ohio. La trama segue quello che succede dopo che una madre single e la sua figlia adolescente affittano una casa nelle vicinanze. Liz Tigelaar (Casual) scriverà la serie e sarà la showrunner.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.