Scuola, per la Cgil a settembre sarà caos

10 ago. – “Non c’è nessuna notizia rassicurante sulla dotazione di personale che dovrebbe consentire, tra neppure un mese, l’apertura dell’anno scolastico”. Parola di Sandra Soster, segretaria provinciale della Flc-Cgil, che spiega come manchino “ancora all’appello gli insegnanti di inglese nella scuola primaria, quelli necessari per sdoppiare una trentina di classi di scuola media dai numeri inverosimili che possono funzionare solo sulla carta e per far partire una scuola superiore nel caos“. Non solo, ora si scopre che che “occorre tagliare ulteriori 56 posti rispetto all’organico di diritto. Altro che risorse aggiuntive”. Nessuna risposta ai 628 bambini che dovrebbero entrare nella scuola dell’infanzia e che invece ancora non hanno la garanzia di un posto, né alle 1.500 famiglie che hanno chiesto il tempo pieno e ancora non lo hanno ottenuto.

I problemi della scuola sotto le Due torri secondo il sindacato si aggravano perché “Bologna è priva di decisore politico e nessuno sostiene la sua causa, dopo una lunga storia di straordinario impegno per i diritti dei bambini e per la qualità della scuola”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.