Scuola. Il provveditore di Bologna Martinez: “All’ufficio scolastico siamo rimasti in 20”

12 sett. – Come sta l’ufficio scolastico provinciale di Bologna? Lo abbiamo chiesto alla dirigente dell’ufficio, Maria Luisa Martinez. “Siamo in una situazione fortemente affaticante – ha detto Martinez – Complessivamente nell’ufficio lavorano 20 persone per gestire le scuole di tutta Bologna e provincia. Fino a 10 anni qui c’erano 110 persone. Ci sono le scuole statali di cui occuparsi, poi bisogna aggiungere tutto il lavoro da fare per le scuole paritarie. In tutto diamo risposta a centinaia di scuole. Non è facile, ci sono momenti di lavoro enorme, non solo legato agli organici ma anche ai contenziosi, ai pensionamenti, e alla formazione. Tutto gravita su 20 persone, e per un territorio così vasto è niente“.
La situazione è confermata da Francesca Ruocco della Flc Cgil di Bologna. “L’ufficio lavora con pochissimo personale”. A gestire le migliaia di Ata (personale non docente) della provincia durante le nomine “c’era solo una persona a tempo pieno e un’altra a mezza giornata“. Ruocco parla anche di un vecchio problema, il sottodimensionamento dell’organico di diritto e di fatto di Bologna e dell’Emilia-Romagna rispetto ad altre parti d’Italia. “Qui hanno sempre voluto fare troppo, e quindi hanno tirato la cinghia oltre il dovuto. Da due anni però la tendenza si è invertita”.
Ad AngoloB il sottosegretario all’istruzione Marco Rossi Doria ha annunciato un piano straordinario per dare agli uffici scolastici territoriali il personale di cui hanno bisogno.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.