Regionali Emilia Romagna: come si vota?

Bologna, 20 nov. – Domenica prossima, 23 novembre, i cittadini dell’Emilia Romagna sono chiamati alle urne per il rinnovo dell’Assemblea Legislativa regionale e per la scelta del presidente. I seggi saranno aperti dalle 7 alle 23 e, alla chiusura delle urne, partirà immediatamente lo spoglio. Gli aventi diritto sono 3.460.315: 1.790.423 donne e 1.669.892 uomini.

Per votare alle Regionali, gli elettori dovranno recarsi al seggio con un documento di identità e la tessera elettorale. Chi l’avesse smarrita (o non ricevuta, se da poco maggiorenne)potrà richiederla all’ufficio elettorale del comune di residenza.

In corsa per la carica di presidente ci sono sei persone:

Stefano Bonaccini, modenese, sostenuto da Partito Democratico, Sinistra Ecologia e Liberta, Emilia Romagna Civica e Centro per Bonaccini;
Alan Fabbri, ferrarese, sostenuto da Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia;
Giulia Gibertoni, modenese, sostenuta dal Movimento 5 Stelle;
Maurizio Mazzanti, bolognese, sostenuto da Liberi cittadini per l’Emilia Romagna;
Cristina Quintavalla, parmigiana, sostenuta da Altra Emilia Romagna;
– Alessandro Rondoni, forlivese, sostenuto da Emilia Romagna popolare (Udc-Ncd).

Per votare si può:

– tracciare un segno sul nome del candidato presidente: in questo caso il voto verrà assegnato solo al candidato prescelto e non alle liste collegate;
– tracciare un segno sul contrassegno della lista prescelta: in questo caso il voto verrà assegnato alla lista prescelta e, automaticamente, anche al candidato presidente che la lista appoggia;
– tracciare un segno sul nome del candidato presidente e su di una delle liste collegate: in questo modo il voto verrà assegnato sia al candidato presidente che alla lista prescelta;
– è possibile il voto disgiunto: tracciare un segno sul nome di un candidato e sul simbolo di una lista a lui non collegata: in questo caso il voto verrà assegnato al candidato presidente prescelto e alla lista prescelta ma non al candidato presidente collegato alla lista.

In caso di voto di lista, è possibile esprimere fino a due preferenze per i candidati alla carica di consigliere della medesima lista: le due preferenze devono essere però di genere diverso, pena l’annullamento della seconda. Non è possibile votare candidati di liste diverse, anche se alleate, pena l’annullamento della scheda.

Per spiegare come si vota, la Regione ha prodotto un video, utilizzato anche come spot televisivo.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.