“Radical chic inconsapevoli”. Bonaccini mette alla berlina chi lo critica. Poi cancella il post

Bologna, 28 gen. – Un utente facebook ha criticato politicamente Stefano Bonaccini e la sua precedente giunta, polemizzando in maniera anche dura ma, nello stesso tempo, ammettendo di averlo votato. E tanto è bastato a far scattare l’ira del Presidente, che ha ricondiviso il post critico mettendo nel mirino (suo e delle quasi 130 mila persone che lo seguono via facebook) non solo l’autore ma anche gli “incosapevoli radical chic” che se la prendono con lui.

“Né con Salvini né con Bonaccini – si legge nel post originale che tanto ha fatto arrabbiare il governatore dem -Bonaccini e la sua giunta sono il peggio di quello che il Pd potesse generare in Emilia Romagna, partorito da Renzi ed alleato a Casini […] Non vorrei che a Bologna la vittoria di Bonaccini suoni come una conferma della scelta di sgomberare una seconda volta Xm […] Insomma in tanti abbiamo votato l’ennesima volta per il meno peggio, che di volta in volta è sempre peggio”.

La reazione di Bonaccini è stata prendere il post incriminato e rilanciarlo sulla sua pagina da 126.684 seguaci, aggiungendoci questo commento: “Questi sono quelli che meriterebbero la Lega e Salvini al governo ovunque. Abbiamo vinto anche per loro, radical chic inconsapevoli. Buonanotte”.

In mattinata la marcia indietro, con il post che sparisce dalla pagina facebook di Bonaccini. Ma intanto la frittata è fatta, e fa arrabbiare molti.

Scrive Simona Larghetti, presidente dell’associazione Salvaciclisti Bologna: “Il giorno dopo che sei stato eletto grazie ai voti della sinistra radicale che è andata alle urne con il coltello piantato nella schiena, che fai? Li mandi tutti a quel paese con un post come questo, condividendo lo screen di un cittadino che ti sta contestando, senza oscurare il nome e invitando alla derisione, che puntualmente arriva. A cosa serve ringraziare le Sardine se dimostri di non aver capito niente del loro messaggio? In che cosa sei diverso da Salvini? Almeno lui queste robe le fa per prendere consenso, non per perderlo. Suggerisco un buon staff di Social Media Manager e che Bonaccini si dedichi ad attività più nelle sue corde. Chi vuole commentare lo faccia con garbo, please”.

Scrive Emily Clancy, consigliera comunale di Coalizione civica: Questo post è ingiustificabile. In primo luogo, Presidente Stefano Bonaccini, perché lei è un membro delle istituzioni. Ha fatto una campagna come candidato presidente di una parte politica, ma una volta rieletto lei è il presidente di tutte e tutti. L’autore del post che lei ricondivide è un elettore, forse un cittadino della sua regione. Metterlo alla gogna mediatica solo perché esprime un parere critico è un comportamento che ormai è appannaggio della destra salviniana, e che lei dovrebbe essere il primo a combattere. Farlo dopo aver lodato il movimento delle 6000 sardine e aver fatto sua la loro critica di un certo tipo di linguaggio politico rende questa sua uscita ancora più indigesta. […]  In sintesi: il suo successo è stato possibile anche grazie a tantissimi elettori ed elettrici che sono tornati a votare o che hanno votato per lei non perché convinti dal suo progetto politico ma perché sideralmente distanti dal progetto politico della coalizione guidata da Lucia Borgonzoni […] Ora, lei può insultarli apostrofandoli come “radical chic” e regalandoli alla gogna mediatica. Un comportamento degno degli avversari contro cui ha fatto appello al voto utile. Oppure può comportarsi da Presidente appena confermato anche grazie ai loro voti, cancellare il post, porgere delle scuse e chiedersi come mai l’Emilia Romagna sia arrivata vicina ad essere una regione contendibile dal centro-destra e come far sì che questo non avvenga mai più”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.