Prima Legge: “Un robot non può recar danno a un essere umano”

Bologna, 29 mar. – Una donna è morta colpita da un’auto a guida autonoma durante un test su strada condotto da Uber, il 18 marzo scorso a Tapee in Arizona. Lo Stato americano ha sospeso il permesso per i test mentre Uber ha trovato un accordo economico con la famiglia della donna, evitando così il processo.
Il caso è però emblematico di una ricerca verso l’innovazione senza limiti. Pensatech ne ha parlato con Norberto Patrignani, professore di Computer Ethics al Politecnico di Torino e con Claudio Simbula, autore di Professione Robot.

E’ il momento di rispolverare le leggi sulla robotica di Asimov?

      Guida autonoma, robot ed etica - Pensatech

 

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.