Preservativi alle sex workers? “No, abbiamo altre priorità”.


29 ago. – Non tutte le associazioni che a Bologna contattano le sex workers concordano sull’importanza della prevenzione e dell’educazione sul tema delle malattie sessualmente trasmissibili. Lo pensa il Mit, che col suo progetto “Via Luna” si occupa di riduzione del danno. Non lo pensano invece i 50 volontari dell’associazione cattolica Albero di Cirene. “I profilattici? Non li distribuiamo per scelta, ci occupiamo di altre questioni. La nostra priorità è l’incontro con queste ragazze, non invece la parte sanitaria”, ci spiega Riccardo Nicoletti.
Riccardo Nicoletti

L’associazione “mira alla costruzione di una relazione di fiducia con le prostitute”, puntando sui rapporti umani e se possibile, avviando le ragazze verso percorsi per farle uscire dalla tratta.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.