Preghiere antiabortiste “a sorpresa”. Blitz Mujeres in Consiglio

MUJERES-CONSIGLIO

Foto: Agenzia Dire

Bologna, 29 set. – Non si fermeranno le preghiere degli antiabortisti davanti al Policlinico Sant’Orsola, ma si trasformano da appuntamento fisso (il martedì mattina) a volantinaggio “a sorpresa”. L’associazione Papa Giovanni XXIII ha deciso di cambiare ogni settimana il giorno in cui essere presente davanti al luogo in cui si effettuano le interruzioni di gravidanza, con i loro cartelli e gli striscioni.
E’ più difficile ora per i collettivi e le associazioni femministe organizzare contropresidi in difesa dell’autodeterminazione della donna. Le Mujeres Libres hanno quindi deciso di cambiare strategia, oggi sono entrate in Consiglio Comunale per chiedere che l’Aula si esprima contro i volantinaggi antiabortisti.

“E’ assurdo- hanno detto dal megafono- che in una città come Bologna, la libertà di scelta delle donne sancita dalla legge 194 possa essere messa in discussione alla luce del sole in un luogo pubblico”. Di fronte a questo “le Istituzioni fanno orecchie da mercante, sembra che al Comune non interessi, che il Sant’Orsola pensi che la cosa non lo riguarda”. Per tutte queste ragioni, le Mujeres libres chiedono con decisione la “fine di questi raduni oranti, inquietanti come ogni  fondamentalismo”. E ancora “Pregate, straparlate, flagellatevi- si legge in un volantino
portato in aula- noi saremo sempre pronte a lottare contro chi ci vuole schiave e madonne. Obiettori, preti, bigotti, fascistelli, non vi lasceremo mai soli”. “Quel marciapiede è suolo pubblico” spiega Sara, una delle giovani del collettivo.

Dopo che la presidente dell’assemblea, Simona Lembi, ha richiamato più volte le manifestanti a togliere lo striscione, un vigile lo ha tolto loro di mano. “Basta con la violenza psicologica sulle donne che vogliono abortire” recitava.  L’atto ha provocato la solidarietà di alcuni consiglieri comunali, tra cui anche Corrado Melega del Pd, medico ginecologo e figura storica dei primi consultori per le donne. Anche il democratico Claudio Mazzanti che se l’è presa con gli agenti. “E’ giusto far togliere lo striscione, ma allora va fatto ogni volta che qualcuno viene a protestare, non solo adesso”, ha detto.

Le Mujeres Libres hanno ottenuto la promessa che il tema si trasformi in un ordine del giorno in Consiglio e annunciano che presto chiederanno una presa di posizione anche all’Ausl.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.