Prati di Caprara. Lavori in corso per la costruzione della nuova scuola

Foto pubblicata su Facebook dal comitato Rigenerazione No Speculazione

Bologna, 18 apr. – Sono ufficialmente iniziati i lavori di bonifica ai Prati di Caprara est, la parte più naturalizzata dell’intera area di 46 ettari. “L’area è già stata conferita dall’Agenzia del Demanio al Comune di Bologna”, spiega l’assessore all’urbanistica e all’ambiente Valentina Orioli, ma il Comune la prenderà in carico “solo quando sarà bonificata”. Dei lavori in corso nell’area che va da via Saffi a via Emilia Pontente si sta quindi occupando il Demanio e l’obiettivo finale è quello di rendere la zona agibile per costruire la nuova scuola prevista dal Poc (Piano operativo comunale). Sono “operazioni obbligate quando si tratta di riutilizzare un’ex area militare – specifica Orioli – non volontà del Comune di Bologna”.

A darne conto qualche giorno fa su Facebook, il comitato di cittadini Rigenerazione No Speculazione, attivo dallo scorso anno nel contrasto alle opere collegate al restyling del Dall’Ara, tra cui proprio quelle ai Prati di Caprara. Nella giornata del 16 di aprile, il comitato ha per primo pubblicato alcune foto che ritraggono arbusti e alberi abbattuti per fare spazio alla realizzazione della strada di cantiere. La loro preoccupazione, espressa dal portavoce ed architetto Piergiorgio Rocchi, sarebbe che l’operazione si trasformi in una “testa d’ariete” attraverso la quale procedere poi alla costruzione di altre strutture “che siano o meno legate alla ristrutturazione dello stadio”. Proprio il comitato ha in programma per sabato 21 aprile, “un’azione cittadina di protesta contro la distruzione degli alberi”.

L’assessore Orioli precisa però che la vegetazione dei Prati di Caprara est è “pioniera” e “si è sviluppata per l’incuria”, perciò lasciandola allo stato attuale “sarebbe inaccessibile”. Lì sorgerà invece un “insediamento misto e dotazioni ambientali di circa 20 ettari, circa quanto i Giardini Margherita” con l’idea di restituire alla città un’area che abbia un “valore ecologico e ambientale” ma anche “area di servizi fruibile per i cittadini”.

Per conoscere le autorizzazioni richieste e rilasciate per l’avvio dei lavori e sapere quali interventi siano previsti, i consiglieri comunali di Coalizione Civica hanno depositato un’interrogazione lo scorso lunedì alla quale si attende risposta entro 30 giorni.

      Valentina Orioli

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.