Pace subito

Bandiera della Pace

Da giorni assistiamo a bombardamenti incessanti sulla popolazione della striscia di Gaza mentre prosegue parallelo il lancio di razzi da parte delle milizie di Hamas.

E’ però evidente la sproporzione dei risultati sulla popolazione civile. Centinaia di morti a Gaza in quella che sta diventando una guerra soprattutto contro i bambini. Una popolazione chiusa in una fetta di terra dalla quale non c’è via d’uscita visto che il valico di Rafah, verso l’Egitto, viene aperto solo per far passare i feriti.

Ogni giorno vi raccontiamo di quello che accade a Gaza grazie al lavoro dei colleghi di Popolare Network e al corrispondente Gabriele Barbati. Ogni giorno registriamo l’incapacità delle diplomazie internazionali di intervenire in modo adeguato. Vogliamo sperare che la presenza di John Kerry in Israele riesca a ottenere qualche risultato. Il segretario di stato americano è convinto che siano stati fatti “passi in avanti”. Vedremo.

Tutti noi ci sentiamo schiacciati da un sentimento d’impotenza. Qui, a Radio Città del Capo, abbiamo ritirato fuori la bandiera della pace e l’abbiamo esposta alle nostre vetrate.

Pace subito! E poi si costruisca un negoziato credibile che non può passare per l’avvallo dell’annientamento di una popolazione come è quello che sta avvenendo in questi giorni con l’operazione Protective Edge.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.