Minacciava la moglie. Prima applicazione a Bologna del decreto antiviolenza

12 ott. – Minaccia di morte la moglie e viene immediatamente allontanato da casa con il divieto di farsi vedere nei luoghi frequentati dalla donna. Se non rispetta le misure ”precautelari”, rischia l’arresto. E’ il primo caso, a Bologna, di applicazione del decreto sul femminicidio appena convertito in legge dal Parlamento. Lo ha spiegato stamane in questura il dirigente delle Volanti, Stanislao Caruso, che parla di una legge “che ci dà strumenti efficacissimi”.

L’episodio è avvenuto ieri mattina verso le 8.30. Una donna bolognese di 40 anni ha chiamato il 113 dopo essere stata minacciata di morte dal marito, un cinquantenne originario di fuori ma residente sotto le Due torri. “Ti ammazzo, farai la fine delle altre donne, non chiamare la polizia”, le ha detto il marito dopo che lei si è rifiutata di dargli i soldi per le sigarette. La donna, che già in passato aveva denunciato il marito per maltrattamenti, danneggiamento, lesioni e atti persecutori, (ma poi aveva rimesso le querele), si è chiusa in camera e ha chiamato la Polizia.

Due volanti sono quindi intervenute e hanno trovato l’uomo, parecchio agitato, sotto casa. Lo hanno identificato e hanno adottato immediatamente le misure previste dalla nuova legge, che permettono alle Forze dell”ordine di agire subito, per poi avvisare la Procura per la convalida. Da ieri, dunque, l’uomo non può più avvicinarsi a casa e a una serie di luoghi indicati dalla moglie, altrimenti verrà arrestato. Grazie a questa legge, sottolinea Caruso, “ora possiamo immediatamente prendere provvedimenti, in casi come questi che vedono un imminente pericolo per una donna”. Capita spesso, infatti, che la vittima ritiri la denuncia e faccia dei passi indietro, rischiando poi che certi episodi accadano di nuovo. In questo caso, invece, con l’allontanamento, la persona minacciata viene subito tutelata. Le autorità, peraltro, stanno verificando se si può ipotizzare un quadro di maltrattamenti ai danni della signora, visti i precedenti del marito. Se il reato verrà accertato, l’uomo rischia l’arresto.

(fonte Dire)

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.