Mille firme anti discriminazione in tre giorni. Il Cassero: “Il 28 giugno le porteremo in Regione”

Bologna, 13 mag. – Tutto è stato rimandato a dopo il voto per le europee, ma la preoccupazione è che il provvedimento si inabissi per sempre. E così, per spronare il Consiglio regionale dell’Emilia-Romagna a votare la tanto annunciata legge contro l’omotransfobia, il circolo Arcigay Il Cassero di Bologna ha lanciato una raccolta firme. Dopo tre giorni le adesioni online hanno già toccato quota mille, ma in realtà sono molte di più perché nel conteggio mancano le firme raccolte fisicamente con i banchetti.

No all’odio contro le persone LGBTI: vogliamo la legge!”, è l’appello presente sul sito change.org. Nel testo si chiede l’approvazione di un provvedimento “lungimirante” per “combattere e scardinare i meccanismi socioculturali alla base delle discriminazioni contro le identità lgbti, attraverso percorsi culturali e di formazione nelle strutture sanitarie regionali, negli uffici, nelle scuole”. “Un primo passo verso una Regione più inclusiva, che – si legge ancora nell’appello – rischia, tuttavia, di cadere nel vuoto a causa di forze reazionarie che rivendicano il diritto a discriminare”. Il riferimento non è solo all’opposizione già annunciata delle forze di destra, ma anche all’emendamento di alcuni consiglieri Pd che hanno deciso di vincolare il loro voto favorevole all’approvazione di un emendamento contro la gestione per altri. Una mossa che ha fatto saltare il banco, bloccando il processo e rinviando tutto (per il momento) a dopo le elezioni europee.

“Ma noi non ci arrendiamo – è la conclusione – perché sono in gioco le nostre vite. Per questa ragione, abbiamo intenzione di depositare la petizione al Consiglio Regionale proprio la mattina del 28 giugno, a 50 anni dai moti di liberazione di Stonewall e anniversario della presa del Cassero di Bologna, primo spazio che un’amministrazione pubblica ha assegnato alla comunità lgbti in Italia”.

 

      Giuseppe Seminario - vicepresidente Arcigay Il Cassero

 

 

Omotransfobia. Monica Cirinnà: “Dal Pd regionale emendamento devastante, mi appello a Bonaccini”

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.