Mazzette per diritti cinematografici. Da un incendio parte un’inchiesta

Bologna 11 dic.- L’incendio, apparentemente accidentale, che porta alla morte di madre e figlio nel gennaio 2013 nel loro appartamento in viale Aldini scoperchia un presunto giro di mazzette per acquisire a prezzi gonfiati diritti cinematografici di pellicole russe. E porta niente meno che a indagare su Rai Gold, struttura della Rai che si occupa di coordinare i canali tematici di Rai Movie e Rai Premium e cura anche la programmazione di Rai4. A finire sul registro degli indagati è stato Enzo Sallustro, responsabile di Rai Movie, per il quale è stato ipotizzato il reato di induzione indebita a dare o promettere utilità. L’inchiesta è coordinata dal pm Morena Plazzi e oggi la Guardia di Finanza ha perquisito le sedi di Rai Gold a Rai Cinema.

L’incendio si sviluppò nell’appartamento dove vivevano Anna Maria Rinaldini e Alekis Vidakis.

Sarebbe stato Sallustro a indurre Vidakis a versargli nel corso del 2013 la cifra di 41.500 euro. Vidakis era titolare di una ditta individuale, la Televideo a sua volta proprietaria dei diritti su lungometraggi Mosfilm. Secondo le indagini i film venivano acquistati a prezzi irrisori sul mercato russo, a Mosca, e poi ceduti a prezzi gonfiati anche di 5/6 volte.

Perquisizioni si sono svolte anche in alcune tra le maggiori major italiane del settore e in ditte private a Milano, Bologna, Firenze e Prato.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.