L’ombelico di fuori – Santa Viola, Birra, Borgo Panigale

 

Bologna, 18 feb. – La seconda radiogeografia del quartiere Borgo Panigale-Reno riparte da Santa Viola, dove risiede uno dei centri sociali per anziani più attivi di tutta la città. Il centro, oltre alle tante attività quotidiane, ospita anche il gruppo “Tracce di una storia”, che con il suo archivio di oltre 20mila fotografie custodisce la memoria storica del quartiere.
“Tracce” testimonia i cambiamenti di un rione, un tempo operaio, dove invece oggi una delle poche fabbriche rimaste è la GD, leader mondiale nel mercato delle macchine per il tabacco ed eccellenza in fatto di welfare contrattuale e aziendale.

Uno dei luoghi più noti – non solo del quartiere ma di tutta Italia – è l’aeroporto Guglielmo Marconi, l’ottavo più trafficato del Paese, con oltre 8 milioni di passeggeri solo nel 2018. Negli ultimi anni l’aumento di viaggiatori ha però creato alcuni disagi ai residenti, principalmente per motivi legati ai parcheggi.
Il Parco dei Noci è stato uno dei punti di riferimento della zona fino al 2013, quando è stato abbattuto il chiosco ritenuto abusivo. Chi lo frequentava ha deciso così di costituire un comitato per monitorare i lavori di ricostruzione, attesi a lungo e programmati per quest’anno.

Altra fondamentale arteria di traffico in quartiere è l’autostrada, dove, nel tratto che attraversa la via Emilia a Borgo Panigale, il 6 agosto del 2018 è scoppiata l’autocisterna carica di Gpl che ha provocato la morte di 2 persone e il ferimento di altre 145. Sul fronte trasporti, il tema che però sta facendo discutere adesso è quello della Linea rossa del tram che entro il 2025 unirà Borgo Panigale con San Donato, e che non piace affatto agli esercenti.

      Santa Viola, Birra, Borgo Panigale

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.