L’ombelico di fuori – San Ruffillo, Foscherara, Lungosavena

Bologna, 14 gen. – Chi vive a San Ruffillo si dà appuntamento in “piazzetta”, il centro, non solo per abitudine ma anche per necessità, perché in questa zona gli spazi d’aggregazione scarseggiano. I residenti che si sono riuniti intorno al progetto “I love San Ruffillo” sono partiti proprio da questa idea per proporre nel bilancio partecipativo 2018 di riqualificare l’area verde affianco alle ex scuole Ferrari, ottenendo il maggior numero di voti di tutta la città. Altra questione è quella del traffico, per cui si attende il completamento del Nodo di Rastignano, l’opera che ridefinirà la viabilità extraurbana fra la strada provinciale della Futa e la tangenziale.

Nel territorio della Foscherara e del Lungosavena oggi non mancano invece gli spazi d’aggregazione e i luoghi d’arte, come la Cava delle Arti di via Cavazzoni, gestita dalla Fraternal Compagnia; l’intera strada di via Cesare Abba, dove diverse realtà come Senza il Banco stanno mettendo in campo iniziative per condividere il buon vicinato; infine, Instabile Portazza, esempio di rigenerazione dal basso, recuperato e trasformato da un gruppo di cittadini che tra poco dovrà però chiudere momentaneamente le porte e traslocare.

      San Ruffillo, Foscherara, Lungosavena

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.