L’essere e il tempo: non solo un live di Chris Cohen

chriscohen

Venerdì 31 maggio al Mattatoio di Carpi c’è stato un doppio live che non poteva destare la nostra attenzione: insieme ai Melampus, infatti, è solito sul palco del locale del modenese un musicista che amiamo molto qua in radio: Chris Cohen. Il nostro ha fatto uscire l’anno scorso Overgrown Path, per Captured Tracks, il suo debutto solista, dopo anni di militanza in tante band statunitensi, come membro in studio o live: tra le altre, ricordiamo i Deerhoof e quella di Cass McCombs. Come è nato questo disco, sognante nelle melodie eppure denso nei testi?

Abbiamo avuto l’occasione di chiederlo a Chris proprio quel venerdì, quando è passato da Maps con i suoi musicisti. E abbiamo scoperto che, sebbene l’album sia stato “fatto per hobby“, uno dei temi che lo attraversano (il rapporto con il tempo) è un vero e proprio pensiero fisso per Cohen. A un certo punto dell’intervista ci siamo completamente fatti prendere dai discorsi filosofici, per poi tornare però a più sicuri argomenti musicali. Ultima chicca? Un jingle personalizzato che il nostro ospite ha cantato in diretta per noi! Lo trovate nell’ultima canzone del set.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.