Lamborghini. La scommessa Fiom contro il Jobs Act

Bologna, 14 gen. – I 1.100 lavoratori della Lamborghini, interinali compresi, sono chiamati a esprimersi sull’ipotesi di piattaforma con cui Fiom-Cgil punta a rinnovare il contratto integrativo scavalcando, almeno per alcuni aspetti, il Jobs Act e introducendo alcune novità sugli appalti e sulle pensioni. Il referendum sarà aperto fino al 21 gennaio in pausa pranzo. Se il testo sarà approvato dalla maggioranza, diventerà la piattaforma che la Fiom porterà a fine gennaio nella trattativa con l’azienda.

Il sindacato dei metalmeccanici Cgil punta sul modello Volkswagen, fondato sul diritto di partecipazione dei lavoratori riassunti nel documento chiamato Charta dei diritti dei lavoratori, e, per la prima volta, prova a mettere sul tavolo della trattativa il salario minimo orario sugli appalti e una proposta sul prepensionamento per disinnescare gli effetti della riforma Fornero. Per tutti i lavoratori Lamborghini, poi, si chiede un aumento del salario fisso di 115 euro al mese.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.