Lepore: “Apriamo un centro per la cultura”

leporeBologna, 26 nov. – Quale sarà si scoprirà nei prossimi mesi, ma l’assessore Matteo Lepore annuncia nei nostri studi l’idea di un centro per la cultura ed il sociale a Bologna. L’amministrazione sceglierà nei prossimi mesi uno spazio da aprire alla partecipazione di associazioni. Non sarà un posto di periferia, promette Lepore. Abbiamo ipotizzato possa essere l’ex cinema Arcobaleno, ma l’assessore non conferma.

Con Lepore siamo tornati a parlare anche di agenda digitale e banda larga. La connessione ultraveloce ad un Gb al secondo arriverà in tutte le scuole (non solo comunali), promette l’assessore, in alcuni casi direttamente nelle singole classi.

Con Matteo Lepore abbiamo parlato anche del Partito Democratico, in vista delle primarie dell’8 dicembre. L’assessore voterà Matteo Renzi e dice: “In Emilia abbiamo un partito organizzato, dobbiamo essere all’altezza del nostro passato sapendo che è arrivato il momento di cambiare in maniera decisa”.

Parlando di sfiducia dei cittadini verso la politica non potevamo non finire a parlare dell’inchiesta sullo scandalo spese che coinvolge la Regione. Lepore ricorda che Merola come prima cosa ha eliminato i privilegi per gli assessori, “niente autoblu, abbonamenti, cene, così qualsiasi attrazione al vizio è tolta alla radice”. La trasparenza è una delle soluzioni secondo Lepore: “La rendicontazione è un diritto dei cittadini. Alcune spese, in ogni caso, non sono sostenibili secondo Lepore: “Io con 900 euro vado dall’altro capo del mondo”, dice commentando la cifra spesa da Monari e Montanari per andare da Napoli ad Amalfi in limousine.

Ascolta l’intera trasmissione, con l’assessore Matteo Lepore

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.