La Regione avrà il Garante dei detenuti

21 set. – Il consiglio regionale ha approvato la legge che istituisce due nuove figure di garanti: quello dell’infanzia e dell’adolescenza e quello dei detenuti. Si andranno ad aggiungere al difensore civico regionale.  La legge è passata con i voti favorevoli di Pd, Pd, Idv, Sel-Verdi, Fds, Pdl, Udc, gruppo Misto e cinque astenuti (Lega Nord e M5s) al termine di un dibattito acceso che ha visto contrapporsi esponenti del centro destra e del centro sinistra; per Manes Bernardini della Lega Nord le tre figure potevano essere racchiuse in una “per risparmiare” mentre Gianguido Naldi di Sel si è scontrato con Andrea Leoni del Pdl sulla possibilità per il futuro garante dei detenuti di entrare nel Cie.

I nuovi garanti dal momento in cui saranno eletti rimarranno in carica 5 anni e non potranno essere rieletti. La legge prevede per loro un’indennità di funzione ridotta rispetto a quella del difensore civico (il 60% di quella di un consigliere regionale): sarà il 45% di quella di un consigliere regionale. Per candidarsi bisogna aver maturato un’esperienza almeno quinquennale nell’ambito previsto dai due istituti di garanzia mentre l’incarico sarà incompatibile con qualsiasi attività di lavoro autonomo o subordinato e con attività che possano essere in conflitto d’interessi con l’incarico.

Ogni consigliere regionale potrà avanzare una candidatura motivata accompagnata da un curriculum.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.