La felicità, si può imparare!

 

      Educare alla felicità podcast

 

In questa puntata di MammaMia parliamo di Felicità, con una grande “F”, perché la felicità si può imparare e ci si può anche allenare! Veruscka Gennari, co-fondatrice della 2BHappy Agency e co-autrice del libro La scienza delle organizzazioni positive, ci spiega come rompere gli schemi che ci inducono a riprodurre, e che riprodurranno a loro volta i nostri figli, certi comportamenti negativi, allontanando le possibilità di essere felici.

I ragazzi sono il 20% del nostro presente, ma saranno il 100% del nostro futuro. Educare alla felicità i ragazzi implica il coinvolgimento di più attori e dimensioni, da una parte ci sono i ragazzi stessi, dall’altra le scuole e il sistema di educazione che spesso si dimenticano che sono i primi, insieme ai genitori, a poter imprimere nelle anime, nelle menti e nelle coscienze dei bambini e dei giovani adulti quei semi di positività, armonia ed espansione capaci di far fiorire adulti in equilibrio e felici.

“Le nuove generazioni hanno una “pelle”, non solo biologica ma soprattutto psichica, eccessivamente sottile. Questa è la loro grande dote. Sono in grado di sentire tutto quello che gli sta attorno con una sensibilità unica, ma come tutte le cose portate all’estremo, anche la sensibilità, se non protetta, diventa una condanna. Le nuove generazioni sono quindi più esposte di noi, agli stimoli sensoriali, come alle emozioni. Questo li porta ad essere sempre troppo emotivi, eccessivamente nel mondo, nella relazione, oppositivi, trasgressivi…oppure, al contrario, per reazione si chiudono in se stessi e diventano chiusi, silenziosi, apatici. La reazione dell’adulto, spesso, è disorientata e disorientante. Si cerca di controllare, punire, diagnosticare, e così da dotati e speciali in breve diventano “diversi”. Si sentono inadeguati e, ad un certo punto, mollano il colpo e si rassegnano. Niente più sogni, niente più progetti.” A guardarli bene invece, “questi ragazzi sono tutti grandiosi, tutti speciali. Intuitivi, creativi, super…ipersensibili, con un meraviglioso senso di giustizia interiore”. (Silvia Pagani CoFounfer di Artademia)

La Felicità è una competenza: come tale possiamo allenarla, bastano poche informazioni e tanto allenamento  

Il DNA non è il nostro destino: le credenze (stereotipi) con cui siamo cresciuti (la matematica non fa per me, non so scrivere, le ragazze non possono fare facoltà troppo difficili etc…) sono programmi che possiamo cancellare e riscrivere usando le potenzialità dei nostri cervelli e un linguaggio che appartiene a tutti noi: le emozioni

Esiste una chimica della positività: la positività e il benessere accendono i centri dell’apprendimento, della creatività e della concentrazione, innescando un circolo virtuoso che si traduce in maggiore efficacia e benessere. Dobbiamo solo imparare ad attivarla

Possiamo allenare la nostra mente e il nostro corpo al benessere e alla felicità: ciascuno di noi a qualunque età ha tutte le risorse interiori per esprimere i propri talenti e realizzare il proprio potenziale. Se crediamo nel nostro immenso potenziale riusciremo a fiorire come uomini e donne.

Protagonisti del proprio futuro: orientare i nostri talenti e disegnare il nostro percorso verso il futuro

2BHappyAgency è un hub metodologico che divulga know how, realizza strumenti e mette in relazione chi in Italia lavora già da tempo con dedizione, impegno e professionalità per diffondere la cultura della positività, del benessere e della felicità.

 

con Jeldris Infante e Agathe Gillet

 

Canzoni:

Happy, Pharrell Williams

Una splendida giornata, Vasco Rossi

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.