Lo Stato deve 80 milioni alle scuole della regione

31 mar. – Ingiunzioni di pagamento per i supplenti ancora in attesa dello stipendio dopo un anno. E un ennesimo sollecito allo Stato perché sani il debito, di circa 80 milioni di euro, che ha nei confronti delle scuole dell’Emilia Romagna. E’ la strada scelta dalla Federazione Lavoratori della Conoscenza della Cgil per protestare contro i problemi finanziari delle scuole in regione. Il nuovo segretario regionale della Flc-Cgil, Raffaella Morsia, denuncia anche che l’Ufficio scolastico regionale sta sempre più spingendo le scuole a ricorrere ai contributi delle famiglie anche per la gestione ordinaria delle scuole, una cosa che, secondo la Cgil, è anticostituzionale.
Morsia denuncia anche che nel prossimo anno scolastico in regione aumenteranno gli studenti di circa 10mila unità a fronte di un nuovo taglio di oltre mille docenti e settecento tecnico-amministrativi deciso dal ministero.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.