Inchiesta spese Regione: sequestrati beni per 1,2 milioni

Bologna 23 dic. – La Guardia di Finanza di Bologna, su delega della Procura regionale della Corte dei Conti, sta sequestrando beni immobili, retribuzioni e pensioni nei confronti di otto capigruppo della Assemblea della Regione Emilia Romagna. E’ un sequestro relativo alle spese sostenute nel 2012.

La misura, informa una nota, è frutto di autonome attività istruttorie della Procura Regionale della Corte dei conti. Il decreto di sequestro conservativo è stato chiesto e ottenuto dalla Sezione Giurisdizionale, e viene eseguito a favore dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna- amministrazione che la Procura ritiene essere l’ente danneggiato. Il milione e 200 mila euro è il danno patrimoniale contestato.

Le verifiche amministrativo-contabili svolte dall’Autorità Giudiziaria contabile hanno riguardato le spese sostenute dai singoli gruppi consiliari dell”Assemblea legislativa della Regione Emilia Romagna nell’anno 2012. Tra le voci di spesa contestate dai Pm contabili- estratte dalla documentazione sottoposta a sequestro dalla Procura della Repubblica di Bologna nell’ottobre del 2012- figurano, tra gli altri, i costi sostenuti per il pagamento di taxi, auto, autostrade, treni, pasti, alberghi, giornali e consulenze, “i quali, per la loro natura e/o per la loro documentazione carente, sono stati giudicati privi di giustificazione e collegamento con l’attività istituzionale del gruppo”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.