Il tesoro dell’isola web

Giovedì 19 e venerdì 20 settembre Bologna diventa la capitale degli sviluppatori web con The Treasure of Frontend Island, evento organizzato dall’associazione emiliana From the Front, un gruppo nato per promuovere buone pratiche di sviluppo e design e divulgare gli standard aperti. Al teatro Duse e nelle aule di Palazzo Isolani sono attesi i maghi della tecnologia front-end quella che trasforma i programmi in rete in strutture grafiche in cui navigare sia facile e piacevole. Incontri del genere accadono spesso all’estero, negli Stati Uniti o in Inghilterra, ma in Italia sono rari. Ci spiega perché Rocco Curcio di Front The End 

rocco-curcio-sito

Al centro degli workshop e delle conferenze di  The Treasure of Frontend Island ci saranno soprattutto le nuove sfide determinate dalla proliferazione di terminali mobili, quali ad esempio le smart tv prossime all’arrivo sul mercato. Saranno gli 14 speakers stranieri: dal canadese Blaine Cook, principale sviluppatore di Twitter e co-autore dei protocolli OAuth e Webfinger all’americana Denise Jacobs autrice del noto The CSS Detective Guide e co-autrice di Interact with Web Standards, che si avventurerà nell’affascinante mondo del web storytelling; da Steve Krug, guru della usabilità che da oltre vent’anni rende più facile l’utilizzo di software e siti web di aziende quali Apple, Netscape, AOL, a Aral Balkan pluripremiato experience designer e sviluppatore web, tra i probabili relatori del TED Global 2013. Tra gli altri anche Peter-Paul Koch, stratega di piattaforme mobili, consulente e trainer ad Amsterdam, fondatore di Fronteers la community olandese di Front End e Remy Sharp co-autore di Introducing HTML5, fondatore della conferenza Full Frontal a Brighton in Inghilterra.

 

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.