“E’ peggio la paura della crisi”, parola del Nobel Amartya Sen

25 mag. – Il Premio Nobel Amartya Sen è intervenuto stamattina alla presentazione del Programma Internazionale di Sviluppo delle Competenze Economiche e Manageriale. Impegnato da decenni nella lotta contro la povertà e la disuguaglianza, Sen è intervenuto sulla crisi economica globale. Il suo invito ha mirato soprattutto a considerare la gravità della sfiducia nel mondo finanziario, portatrice, secondo lui, di mali peggiori della crisi stessa. Crisi sulla quale ha aperto degli spiragli di speranza, purchè si eviti “di fare scelte goffe e miopi, che sono quelle che l’hanno generata”. Ha invitato anche alla cautela riguardo alle misure da prendere in caso di tracollo finanziario, perché “alcune politiche che possono essere approvate in momenti di panico, possono avere delle conseguenze molto negative che non sono state preventivate”.

A chi gli ha chiesto un parere sulla situazione italiana, Amartya Sen ha risposto di non avere una conoscenza approfondita della nostra situazione, e si è limitato a portare l’esempio degli Stati Uniti, che hanno insistito su azioni per dare lavoro, e a suggerire un attento controllo del mercato, per evitare speculazioni.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.