Il Bologna fc deferito dalla Figc. Porcedda va dai carabinieri: “domani dico tutto”

18 nov. – Sul sito della Federazione italiana gioco calcio il comunicato che conferma il deferimento alla Commissione disciplinare nazionale della società Bologna F.c., del presidente Sergio Porcedda e del legale rappresentante Silvino Marras per mancato pagamento dell’Irpef di maggio e giugno 2010.

Il “caso Bologna” è esploso ieri in tarda serata, quando si è diffusa la voce che gli stipendi dei giocatori e la relativa Irpef non erano stati ancora pagati. Secondo le nuove regole di contrasto al “doping amministrativo” (come lo definiva l’ex patron del Bologna Gazzoni), la FIGC in caso di ritardo commina una penalizzazione alla squadra: in caso di insoluto sono dunque certi almeno 3 punti di penalizzazione.

Stamane Porcedda ha avuto un colloquio con Renzo Menarini, che non pare però disponibile a riprendersi il club. Subito dopo è uscito in auto da Casteldebole dribblando domande, cronisti e tifosi, lasciando la squadra, attonita, a condurre l’allenamento. Il presidente del bologna si è recato dai carabinieri per sporgere denuncia su una presunta truffa ai suoi danni. Ai microfoni di tuttomercatoweb ha detto: “Domani spiegherò tutto in conferenza stampa e pagherò tutti. Posso dire che mi sento appesantito dalla situazione che sto vivendo. Inoltre, voglio smentire le voci circa una mia denuncia alla famiglia Menarini”.
In realtà è assai difficile che questa accada: con tutta probabilità Porcedda domani non sarà a Bologna e non parlerà.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.