I docenti in piazza il 14 novembre contro le politiche del governo

30 ott. – Ci saranno anche i professori in piazza il prossimo 14 novembre nella giornata europea di protesta contro le misure di austerity. Lo hanno deciso questo pomeriggio nel corso dell’assemblea che si è tenuta nel liceo Sabin. All’assemblea hanno partecipato i docenti di una ventina di scuole superiori e di 4 istituti comprensivi. Al centro della protesta dei docenti c’è il paventato aumento del carico orario, che il ministro Profumo aveva prima introdotto e poi ritirato dalla legge di stabilità che inizierà il suo iter parlamentare lunedì 12 novembre prossimo, e contro i continui tagli al sistema dell’istruzione.

I docenti bolognesi sono intenzionati a limitarsi a svolgere solo la funzione docente, non svolgendo tutte le attività non previste dal contratto. “Dimostreremo che senza quel nostro contributo le scuole si fermano” dice Diego Benecchi professore al liceo Sabin che ha presieduto l’assemblea di oggi.

Prima della manifestazione del 14, i docenti si ritroveranno per una nuova assemblea al liceo Copernico il prossimo 8 novembre: in quella sede si farà il punto sulla mobilitazione e verrà organizzata una manifestazione per il sabato successivo, il 10. Molto probabilmente, non essendo convocato alcuno sciopero, l’iniziativa si terrà nel pomeriggio. Da subito, comunque, i docenti chiederanno la convocazione dei collegi docenti di ogni istituto.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.