A Hawk and a Hacksaw: “Ecco il ‘nostro’ Transmissions”

1623592_10150537240074953_315600228_n

19 marzo – “Curare Transmissions è fantastico, meraviglioso”: ci abbiamo provato a capire se ci fosse qualche ombra o difficoltà, ma niente. Heather Trost, al telefono con noi poco fa in Maps, è felicissima ed eccitata dall’inizio della settima edizione del festival che si tiene a Ravenna da domani al 23 marzo.

Heather, insieme a Jeremy Barnes, forma A Hawk and a Hacksaw, un duo statunitense che risente molto dell’influenza musicale balcanica nella sua musica. Non è un caso che diverse delle band scelte dai curatori d’eccellenza di Trasmissions VII siano originarie di quella parte d’Europa: ma le selezioni del duo spaziano moltissimo tra Europa e USA.

Da quest’ultimo Paese arrivano i Deerhoof, dalla Svezia arrivano i Fire!, ma nel programma trovano posto anche due band che “sostengono la quota italiana”: gli OvO di Stefania Pedretti e Bruno Dorella e i Father Murphy. “Ho conosciuto Bruno tramite i Ronin, mentre i Father Murphy hanno suonato da noi a Albuquerque“, ha raccontato la nostra ospite, con la quale ci siamo poi soffermati su un punto curioso e fondamentale: i modi di conoscere nuova musica.

Heather ha citato, ovviamente, YouTube, ma anche la visita al caro vecchio negozio di dischi: l’abbiamo incalzata, chiedendole come si ci orienta, considerando che esistono negozi di vario tipo. Heather ci ha dato delle dritte: “Ci sono delle etichette musicali della Romania comunista che hanno pubblicato cose splendide, non si può sbagliare”, ha raccontato divertita, aggiungendo che comunque talvolta è questione di fortuna. E le copertine hanno un impatto sulla scelta? A tal proposito la musicista statunitense ha riferito qualcosa accaduta non direttamente a lei, bensì a Jeremy: se volete scoprire cosa è successo e perché quel disco romeno citato dalla nostra ospite avesse un agnello in copertina, non dovete fare altro che ascoltare l’intervista qua sotto.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.