Dopo le sentinelle a Bologna arriva Roberto Fiore

fn
Bologna, 6 ott. – Non si sono ancora placate le polemiche sui tafferugli di domenica pomeriggio in centro Bologna che arriva l’annuncio di Roberto Fiore, leader del partito di estrema destra Forza Nuova.  “Quanto accaduto ieri – scrive Fiore sulla sua pagina facebook – ci ha convinto ad organizzare un nuovo corteo proprio a Bologna il 18 ottobre; sarò presente in prima persona e invito tutte le realtà militanti e tutti i cittadini di buon senso che vogliono dire basta al vero e proprio Terrore giacobino attuato da gruppi di sinistra che, con l’avallo delle forze dell’ordine, pensano di poter fare il bello e il cattivo tempo, perché fautori di un’ anomala forma di tolleranza che si applica soltanto con i loro simili e non con chi, la maggioranza degli italiani”.

Su facebook Fiore elenca anche i temi che caratterizzeranno il suo comizio sotto le Due Torri, gli stessi che lo hanno già visto protagonista il 28 settembre 2013, quando arrivò in città assieme a 150 camice bianche, tra simboli fascisti e divieto di parlare con i giornalisti. All’epoca utilizzò toni violenti e lanciò una campagna di boicottaggio contro “le lobby gay e le attività commerciali gay friendly”. Oggi sui social network parla di  “delirio omosessualista” e “deriva nichilista del liberalmarxismo“.

Il numero uno di Forza Nuova annuncia anche che sporgerà “denuncia verso la Questura di Bologna per omissione di atti d’ufficio, siamo sicuri che nessuno di coloro che hanno preso parte all’aggressione verrà denunciato né per le violenze e le minacce né per il reato di manifestazione non autorizzata”.

Le foto della manifestazione del 23 settembre 2013:

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.