I dischi della settimana di Class, Maps e Humus

dischisettimanacentro

DiscoClass
Aphex Twin – Syro – Warp
Un ritorno forse inaspettato,  atteso e necessario quello di Richard D. James. Tra i pochi a rivoluzionare e inventare qualcosa di nuovo in questi decenni di elettronica, ci stupisce con un disco pieno dei suoni che l’hanno reso celebre, ma più leggero e stranamente (ma piacevolmente fruibile). Visionario.

DiscoMaps
Iceage – Plowing Into The Field Of Love – Matador
Un bel cambio di rotta per i danesi: al terzo album mettono la loro attitudine da “pugno in faccia” sul tavolo e la mescolano con dosi di pianoforte, archi, fiati, deviazioni country e honky tonk. Il risultato è un disco dai brani molto più lunghi e complessi del solito, più inquietante che urlato: la loro prova migliore fino ad ora.

DiscoHumus
Mario Piacentini Sextet – Néant – Incipit Records 
Decisamente poco noto rispetto a quanto invece meriterebbe, il pianista-compositore Piacentini ha inciso il suo nuovo disco in compagnia di un quintetto di jazzisti di alto valore, a cominciare da Gianluigi Trovesi al clarinetto. Con loro sono Arkady Shilkloper al corno francese, Tor Yttredal al sax soprano, Roberto Bonati al contrabbasso, Marco Tonin alla batteria. Il concetto di “assenza assoluta” che, per l’esistenzialismo francese, sta a significare il titolo, viene “esposto” nelle 11 composizioni del cd alternando momenti di grande densità melodica a dialettiche e rarefatte improvvisazioni.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.