Democrazia digitale: dopo l’entusiasmo la disillusione

Agora o democrazia digitale

photo credit: Tadie88 via photopin cc

Bologna, 21 nov. – Gli strumenti di partecipazione online hanno avuto un grande successo in questi anni. I politici fanno a gara per mostrare l’ultima piattaforma di consultazione o il loro ultimo tweet, ma questa esplosione di “democrazia digitale” rispondono davvero alle attese? Laura Sartori (@Lausartori), delll’Università di Bologna, invita alla cautela. La “democrazia digitale” non può da sola ridurre la distanza tra cittadini e politici. Usare “strumenti di partecipazione” non vuol dire automaticamente “cultura della partecipazione”.
Laura Sartori è la coordinatrice di una serie di incontri su “Potere, libertà e controllo nell’era di Internet” dell’istituto studi avanzati dell’Unibo. L’ultimo incontro lunedì 24 novembre a Bologna, in Sala Farnese di Palazzo d’Accursio, dal titolo  “Democrazia, partecipazione e Internet“.
Tra gli ospiti anche Fabio Chiusi (@FabioChiusi), secondo cui i risultati di questi ultimi anni di esperimenti di democrazia digitali sono scarsi, deludenti. La legittimazione della politica è molto bassa e la richiesta di partecipazione da parte della popolazione, senza il riscontro di risultati concreti, rischia di aumentare la frustrazione. Si “banalizza” uno strumento che avrebbe grosse potenzialità.

L’intera puntata di Pensatech

      Pensatech

Download

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.