De Castro (Pd) campione di preferenze in Emilia Romagna

26 mag. – Paolo De Castro, ex ministro del  governo Prodi e presidente uscente della commissione Ue sulle politiche agroalimentari, è stato il campione delle preferenze in Emilia-Romagna: ne ha prese infatti 54.626, superando, in  Regione, anche la capolista del Partito Democratico Alessandra  Moretti (53.911) e l’altro ex ministro Cecile Kyenge (51.614).

Preferenze Pd. Sbanca Moretti, in Emilia Romagna primo De Castro

Il calcolo delle preferenze per stabilire quali saranno gli  europarlamentari va fatto però a livello circoscrizionale, dopo che i posti saranno stati ripartiti a livello nazionale. Fra gli  emiliano-romagnoli, nel Pd, sicuri di un seggio ci sono la  Kyenge e lo stesso De Castro, entrambi arrivati alle spalle della Moretti e di Zanonato.  Dopo Paola De Monte (quinta) c’è la sorpresa Elly Schlein che  con 32.921 preferenze raccolte in Emilia-Romagna e oltre 50mila  nella circoscrizione, si è messa alle spalle gli altri due  candidati forti della regione: Damiano Zoffoli (settimo) e Salvatore Caronna, che ha dieci candidati in lista che hanno  preso più voti e che quindi non riconfermerà il suo seggio a Bruxelles. Proprio Caronna ha annunciato su facebook l’impossibilità per lui di tornare in Europa: “Per quello che mi riguarda il risultato non è stato sufficiente per continuare l’impegno al Parlamento europeo. Ne prendo atto serenamente ringraziando tutti coloro che si sono impegnati con me e per me in questa bella ed appassionante avventura. Dopo tanti anni in prima fila è arrivato il tempo di lasciare ad altri il compito di rappresentare il nostro partito nella difficile sfida di cambiare in meglio il paese e rilanciare il progetto europeo. Sono sicuro che saranno all’altezza di qesto compito. Un affettuoso ringraziamento a tutte quelle elettrici e quegli elettori che mi hanno voluto esprimere la loro fiducia”. 

Dall’Emilia-Romagna per il movimento 5 Stelle dovrebbe essere autorizzato a prepararsi  per l’europarlamento il riminese Marco Affronte: è infatti  il secondo della graduatoria del Movimento 5 Stelle con oltre 18mila preferenze.  Niente da fare per gli emiliano-romagnoli di Forza Italia  (Samorì, Filippi, Gottarelli e Rescigno), come pure Ivano  Marescotti della lista Tsipras. (Ansa)

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.