Dallo psicologo per riottenere la patente ritirata

27 ago.- “Prima di riottenere la patente, gli automobilisti a cui è stata ritirata dovrebbero seguire un percorso riabilitativo, seguiti da psicologi“. La proposta arriva dalla presidente dell’Ordine degli Psicologi dell’Emilia-Romagna, Manuela Colombari, che suggerisce di portare anche in Italia e nella nostra regione un modello di prevenzione già collaudato in Germania, e adottato anche dalla Provincia di Bolzano. La proposta degli psicologi emiliano romagnoli segue la pubblicazione dei dati sugli incidenti stradali a Bologna forniti dal Comune sulla base del report quindicinale dei Vigili Urbani: sotto le Torri, ogni quattro ore c’è un incidente; e ogni mese due persone perdono la vita sulle strade cittadine.

La proposta di introdurre un percorso terapeutico (tecnicamente “driver improvement“) si basa sul fatto che tra i maggiori fattori di rischio alla base degli incidenti stradali ci sono comportamenti scorretti, che come tali possone essere modificati. “Non solo l’assunzione di alcool o sostanze stupefacenti, ma anche stili di guida spericolati sono tra le cause degli incidenti, soprattutto tra i giovani”, spiega Colombari, che spiega: “la prevenzione sul piano psicologico potrebbe quindi dare buoni risultati, così come si è verificato negli ultimi anni nella lotta contro il fumo.” Secondo la presidente dell’ Ordine, gli psicologi dovrebbero intervenire quando la patente viene ritirata in caso di ripetute infrazioni gravi (per esempio passare con il rosso, o la guida ad alta velocità) oppure in caso di re-incidente.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.