Cresce il Mercato della Erbe. “Ricetta contro la depressione”

mercato delle erbe entrata

L’ingresso del Mercato delle Erbe in via Ugo Bassi

Bologna, 4 mar. – Cresce il Mercato delle Erbe. Entro l’estate nello storico mercato di via Ugo Bassi apriranno una serie di nuove attività, tutte legate al cibo. Un modo per ampliare l’offerta e per riqualificare l’ala sinistra della struttura, oggi quasi completamente inutilizzata. I lavori non dovrebbero durare molto, si parla di tre mesi massimo. La speranza dei commercianti è quella di poter aprire “Piazzetta San Gervasio”, questo il nome temporaneo della nuova ala, entro giugno. Una sorta di replica di quanto già avvenuto nell’ala di destra, dove ogni tardo pomeriggio molti bolognesi si danno già appuntamento per l’aperitivo e la cena. Nulla cambierà invece per la parte centrale, da sempre dedicata alla vendita di frutta, verdura e altri alimenti.

Nella “piazzetta” oltre alle attività già presenti ci sarà la possibilità di gustare polpette e crescentine e bere del buon vino “senza spendere sei o sette euro a calice”. E poi ancora, per i più frettolosi che non avranno tempo di sedersi nei tavolini, “street food” e sapori dal sud italia. Per fare posto a sedie e tavoli i due box centrali saranno eliminati e i venditori di frutta e verdura trasferiti nella corsia centrale del mercato.

“Il Mercato delle Erbe è la nostra ricetta contro la depressione – dice l’assessore alle attività commerciale del Comune di Bologna Matteo Lepore – Ieri in giunta abbiamo approvato una delibera che permette l’apertura di una nuova ala con altre iniziative commerciali di somministrazione e spazi gastronomici. Un’operazione interessante per i bolognesi e per i turisti. Il consorzio di gestione sta davvero facendo passi avanti, entro l’estate si parte e le autorizzazioni sono in via d’arrivo”.

“Dopo tanti anni il mercato inizia ad essere frequentato anche dai giovani, che prima non sapevano nemmeno esistesse – dice la vicepresidente del Consorzio Mercato delle Erbe Donatella Baratta – Le attività di ristorazione stanno piano piano aiutando i venditori di frutta e verdura e le altre attività. A me sembra che ultimamente ci sia quasi un ritorno alle attività tradizionali. Passo dopo passo stiamo togliendo qualche cliente alla grande distribuzione che fino ad ora ci ha fatto una concorrenza spietata”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.