Cheap volume II è in partenza: ecco tutti gli appuntamenti

Hyuro

30 apr. – Cinque street artist italiani e internazionali, interventi di giardinaggio urbano, incontritour in bicicletta e molta musica: è il fitto menù di Cheap, il festival di street poster art che abbiamo imparato a conoscere lo scorso anno e che quest’anno arriva alla seconda edizione, anticipato (e accompagnato nella sua seconda parte) da un fratellino minore, Cheap Green.

In partenza il primo maggio, anche quest’anno Cheap interverrà in maniera creativa sui muri della città con i lavori di artisti guest italiani e internazionali e di un folto gruppo di artisti selezionati da una call online, che si è chiusa qualche settimana fa e ha coinvolto paesi da tutto il mondo. Gli interventi degli artisti ospiti – Lucamaleonte, Orticanoodles, L.E.T., Martina Merlini e Hyuro, che completerà la seconda parte di Cheap Green – si terranno nella periferia nord di Bologna, nei quartieri San Donato, San Vitale, Porto e Navile. Le bacheche in disuso del centro città (precisamente via Zamboni, via Irnerio, via San Giacomo, via dell’Abbadia, via del Pratello, via Graziani, via San Vitale, viale Masini) saranno ancora protagoniste con le affissioni degli artisti selezionati con la call.

Elisa Visentini, dell’organizzazione, ci ha presentato in diretta a Palomar gli artisti guest, insieme alle tappe e agli eventi che caratterizzeranno l’edizione 2014:

Si parte il primo maggio con una giornata con interventi di street art e consolle aperta al Labàs, in via Orfeo, a partire dalle 12.00.
sabato 3 maggio, si passa al TPO per una serata dedicata all’hip hop con la presentazione del nuovo album di Inoki con Bonnot degli Assalti Frontali, con installazioni di street poster art a cura del festival.
Il primo intervento itinerante si terrà invece domenica 4 maggio in via Ottavio Mascherino, dove a partire dalle 16.00 ci sarà un intervento di installazione urbana green, in collaborazione con il vivaio Senape: saranno piantati 10 Teucrium Fruticans e 2 susini Regina Claudia.
La settimana seguente – precisamente giovedì 8 maggio – si riprende con il verde in città grazie a Treedom, la piattaforma di rimboschimento partecipato a cui aderisce il festival: un incontro per parlare di emissioni di CO2 e di comportamenti ecoresponsabili, a partire dalle 18.00 da Senape, in via Santa Croce 10.
Doppio appuntamento invece per la giornata di chiusura: il pomeriggio, alle 15.00, ritrovo al TPO per un ciclo tour attraverso i luoghi del festival con la sonorizzazione delle fono_valigie di Urban ResistDance, che trasmetteranno una diretta di Radio Kairos. La tappa finale del ciclo tour sarà via Zago con arrivo a Il Buco, sede dell’Associazione Oltre, per un aperitivo social, djset e performance sonore.
La sera, invece, a partire dalle 22.00, party conclusivo al TPO in collaborazione con Habitat: musica elettronica ed elettroacustica internazionale con Hyetal, giovane artista di Bristol; introdotto dal djset di Defe, dal live di After Crash e dal warmup di Alive Lab.

Oltre a questi appuntamenti ufficiali, si potranno seguire, come già avvenuto lo scorso anno, tutti gli interventi degli street artist e delle affissioni dei lavori selezionati con la call, che saranno divisi per quartiere e per giornate.
Potete leggere le coordinate sull’evento facebook del festival.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.