Caos post voto nel Pd, rinviata direzione a Bologna

Bologna, 2 dic. – La versione ufficiale, naturalmente, è che si tratta di una scelta legata solo alle decisioni di Stefano Bonaccini sul livello regionale: visto che il neo-governatore, in qualità di segretario uscente, ha convocato per venerdì 5 la direzione emiliano-romagnola del Pd per fare il punto sul voto choc per viale Aldo Moro e tracciare il sentiero verso il congresso, il ‘redde rationem’ a livello provinciale viene rinviato al giovedì successivo, l’11. Di fatto comunque salta in extremis l’atteso confronto post-voto in direzione che era stato messo in calendario per il 4 dal Pd di Bologna e c’è chi vede nel rinvio l’occasione per una opportuna pausa di riflessione visto il clima nel partito. Oltre alle diverse ambizioni in campo
per la prossima giunta regionale, c’è anche l’ombra del congresso provinciale che dovrà tenersi se il segretario Raffaele Donini dovesse entrare nella squadra di Bonaccini.

Come se non bastasse ieri sera sono piovute le parole durissime di Matteo Renzi, che con maggior nettezza di quanto aveva fatto fin qui ha ‘scaricato’ sul gruppo dirigente locale le responsabilità del flop  sull’affluenza. Per Donini le parole di Renzi sono “motivo di riflessione per la riunione della direzione
del Pd regionale di venerdì prossimo, nella quale come sempre interverrò per dire la mia”. Ma intanto infuria la polemica per il pressing a favore della conferma in giunta di Simonetta Saliera. Lo stesso Donini ha ribadito ieri sera in segreteria il suo pensiero: sbagliato tirare per la giacca il presidente della Regione.
Contro i sostenitori di Roberto Balzani che, sia pure con toni diversi, hanno messo nel mirino gli
appelli pro-Saliera interviene il consigliere comunale Claudio Mazzanti. “De Pasquale- afferma il cuperliano- è offensivo al limite del penale quando dipinge la ‘Ditta’ come un intreccio di interessi politici, economici e rapporti strani. Se ha prove vada in Procura. Mi stupisce invece che Paruolo dica cose sciocche e non vere”, afferma Mazzanti.

“Capisco che Paruolo abbia preso metà dei voti di Saliera anche se per lui si sono mossi mezza giunta comunale e importanti associazioni, ma stia sereno: si vede che la vicepresidente è più credibile di lui”. (DIRE)

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.