BOtanique 4.0: non solo musica nei giardini Filippo Re

botanique

Venticinque concerti in un mese e mezzo: questo il nucleo forte della proposta di BOtanique 4.0, la rassegna estiva inserita in bè-bolognaestate2013, gestita dall’Estragon club. Si comincia il 13 giugno con i Perturbazione (che passeranno nel pomeriggio dai nostri studi per un live in streaming audio e video a Maps) e si finisce con Maria Antonietta il 27 luglio. Nel mezzo nomi della musica italiana come PetrinaBachi da Pietra, ma anche musicisti internazionali come Howe Gelb e Marnie Stern. Tutti i concerti, tranne quello di DubFX del 27 giugno, sono a ingresso gratuito.

I giardini di via Filippo Re, però, non daranno solo la possibilità di assistere a concerti: alcune serate saranno dedicate alla presentazione di libri e altre alla visione di film e documentari, anche grazie alla collaborazione con il Future Film Festival. Presenti anche spazi per bere, mangiare e acquistare dischi, nonché dei megaschermi per seguire le partite della Confederation Cup. Insomma, BOtanique, anche quest’anno, vuole diventare un punto di riferimento per le serate estive in centro, aprendo ogni sera alle 19, con l’inizio dei live fissato per le 2130, in modo tale da lasciare spazio alla musica dei dj dalle 2330, nel pieno rispetto del nuovo regolamento acustico del Comune per quanto riguarda volumi e orari. Ci siamo fatti raccontare l’edizione 2013 della manifestazione dal suo direttore artistico, Lele Roveri, visibilmente soddisfatto.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.