Bonaccini: “Subito il taglio dell’indennità per gli assessori”

Foto Dire

Foto: Agenzia Dire

Bologna, 5 gen. – Subito un taglio alle indennità percepite dagli assessori della Regione Emilia-Romagna. E’ la promessa del neo presidente della Regione Stefano Bonaccini, a seguito dell prima riunione ufficiale di Giunta.

Nella riunione, ha riferito Bonaccini a margine di una premiazione sportiva, si è fatto il punto sulle priorità di legislatura, del primo anno e dei primi 100 giorni (stesso schema di presentazione del programma che Bonaccini intende seguire nella prossima Assemblea). Per il presidente sono necessarie “ulteriori sforbiciate ai costi della politica, a partire da un probabile taglio delle indennità che faremo anche a noi stessi per poi proseguire con quello che i gruppi vorranno fare rispetto al tema dei fondi” a loro assegnati. Una riflessione che “per rispetto dell”Assemblea”, aggiunge il presidente, verrà illustrata “compiutamente” nella prossima seduta di Consiglio.

Intanto, Bonaccini conferma che si vuole impostare “la sobrietà come pilastro di questa legislatura”. Esigenza dettata anche dai nuovi tagli in arrivo. “Non è ancora detto che siano 570 milioni di euro i tagli che arriveranno per l’Emilia-Romagna, immagino- dichiara il numero uno di viale Aldo Moro- che ci sarà una discussione anche in Conferenza Stato-Regioni rispetto ai parametri che verranno usati per definire i cosiddetti tagli”. Una volta chiarita la loro entità, di certo “ogni assessorato dovrà fare la propria parte per la definizione delle priorità che noi comunque ci daremo”, aggiunge Bonaccini. E se fosse confermata la stangata da 570 milioni? “Non aumenteremo le tasse“, ribadisce il presidente: “Faremo di necessità  virtù” e “laddove non si dovranno perdere quantità e qualità dei servizi indispensabili, si riorganizzerà la spesa e si riorganizzerà la macchina” regionale.
Il sottosegretario alla presidenza, Andrea Rossi, ha avuto mandato di approfondire il tema con l’assessore al Bilancio, Emma Petitti. Si valuterà “caso per caso”, promette Bonaccini, ma ad ogni modo “chiederemo un contenimento della spesa in tutti gli assessorati, dal punto di vista della macchina funzionante e burocratica”.

Nella Giunta di oggi, inoltre, si è discusso del bilancio, al momento provvisorio: “Abbiamo quattro mesi di tempo per andare a renderlo completo”, ma “vorremmo farlo- anticipa Bonaccini- con qualche settimana di anticipo”. Altri dossier già presi in mano dalla Giunta sono quello dei fondi europei e quello degli interventi anti-crisi: “Per fine gennaio vogliamo confermare l’impegno di chiamare le parti sociali, le Università e gli amministratori locali per definire la cornice di un vero e proprio nuovo Patto per lo sviluppo e per la crescita“, spiega il presidente, con l’obiettivo di sottoscriverlo “entro l’estate”. Altro obiettivo della giunta Bonaccini riguarda la sanità: “Mi aspetto già entro quest’anno un segnale molto chiaro sulla riduzione dei tempi di attesa per alcune prestazioni sanitarie”.

 

 

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.