Bologna. La crisi rallenta l’immigrazione

28 ago. – La popolazione straniera residente in Provincia di Bologna è cresciuta del 6,7% nel 2011, ma rispetto a due anni fa l’aumento è rallentato, a causa della crisi e forse anche del censimento, che avrebbe portato alla cancellazione dalle liste anagrafiche delle persone non rintracciabili. E’ il dato principale che emerge dall’elaborazione statistica pubblicata dall’Osservatorio delle immigrazioni della Provincia di Bologna, basato su dati statistici della Regione Emilia-Romagna.

In provincia l’11% della popolazione residente (al 31 dicembre 2011) è straniera. Ci sono 109.698 cittadini stranieri residenti, di cui il 53% sono donne e il 21,5% minori, per effetto dei ricongiungimenti familiari o perché sia i minori che le donne, sempre di più, emigrano da soli.

Ascolta l’intervista a Raffaele Lelleri, responsabile dell’Osservatorio

raffaele lelleri sito

Proprio i minori non accompagnati continuano ad aumentare, soprattutto nel capoluogo

raffaele lelleri minori sito

Il 10 settembre si svolgerà in città un convegno sugli adolescenti di origine straniera, dal titolo Nuove generazioni. Genere, sessualità e rischio fra gli adolescenti stranieri

 

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.