Blitz del Cas in autostazione / FOTO

14 ott. Gli studenti del Collettivo autonomo studentesco di Bologna torna a farsi sentire contro Tper, dopo il corteo del 3 ottobre.
Con i volti coperti dalle maschere di “V per Vendetta” hanno coperto con manifesti e adesivi alcune fermate e punti informazione dell’azienda trasporti, fino all’autostazione. In una nota gli stessi studenti del collettivi raccontano di aver bloccato “una lunga fila di autobus affiggendo sopra di essi sticker e manifesti contro il caro trasporti”.

Dopo aver “raccolto la solidarietà della gente e dei dipendenti Tper- continua la nota- abbiamo assediato simbolicamente l’Autostazione, entrando e bloccando la biglietteria”. Infine, ancora “un altro blocco degli autobus in via Irnerio”, racconta sempre il collettivo, prima di passare per un negozio Feltrinelli “dove abbiamo denunciato il problema del carolibri”. Questa volta, invece tracciare le scritte come sulle vetrine della libreria Ibs, gli studenti hanno scelto di attaccare un’immagine di Guy Fawkes.

A Bologna “la questione del caro trasporti è molto sentita- scrive il Cas- per via dei continui aumenti di Tper, malgrado il progressivo peggioramento dei servizi”. Quella di oggi, spiegano gli studenti, si inserisce nelle iniziative organizzate in vista del corteo nazionale di sabato 19 ottobre a Roma.

 

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.