Blitz contro Panebianco. Per i pm è violenza privata e danneggiamento

blitz Hobo PanebiancoBologna, 16 lug. – La Procura di Bologna sta indagando sul blitz contro l’ufficio di Angelo Panebianco, professore dell’Università di Bologna e editorialista del Corriere della Sera. “La Digos sta lavorando per cercare di identificare gli autori dell’odioso episodio – ha spiegato il procuratore aggiunto Valter Giovannini –  In concorso risponderanno di violenza privata e danneggiamento aggravato, trattandosi di fatti accaduti all’interno di un edificio pubblico ubicato nel centro storico”.

“Quando si va, oltre che a caccia delle idee, a caccia delle persone c’è un salto qualitativo intollerabile“, ha detto il rettore dell’Università di Bologna, Ivano Dionigi. Dionigi, rispondendo alle domande dei cronisti a margine di una conferenza stampa in Comune, riferisce di essersi messo in contatto con Panebianco proprio alla luce del “salto qualitativo intollerabile” compiuto da Hobo.    Già ieri, sia Dionigi che il sindaco Virginio Merola avevano condannato l’incursione con parole dure. “Più di così diamo loro troppa importanza”, sottolinea oggi il primo cittadino. “L’importante è quello che abbiamo detto ieri”, conclude Merola che aveva parlato di “teppisti”, ribadendo “piena solidarietà” al docente di Scienze politiche.

A Panebianco arriva la solidarietà dell’economista Giuliano Cazzola che dice di condividere l’articolo “per cui il professore ha subito la provocazione del collettivo Hobo”.

Intanto il deputato leghista della Lega Nord Gianluca Pini ha presentato un’interrogazione al ministro degli Interni per chiedere “di tutelare Panebianco, che rischia di diventare obiettivo del terrorismo”, trattandosi di “soggetto sensibile”, per giunta in una location, Bologna, “particolarmente esposta sotto il profilo della sicurezza”. Pini rievoca il caso di Marco Biagi, ucciso dalla nuove Br, e chiede al ministro Alfano di intervenire. “Alfano non aspetti un altro caso Marco Biagi prima di intervenire”, prosegue Pini, che chiede anche “pene esemplari” per quelli che lui definisce “collettivi e zecche varie”. Serva, ha concluso, “una sana operazione di bonifica”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.