Bersani. Intervento riuscito ma la prognosi rimane riservata

bersani

Parma, 6 gen. – “Il decorso post operatorio dell’onorevole Pier Luigi Bersani sta evolvendo in maniera positiva”. Inizia così il terzo bollettino medico diramato poco dopo le 11-30 dall’Ospedale Maggiore di Parma. L’ex segretario del Pd ha passato una notte tranquilla, si è svegliato, non è più intubato né sedato e ha incontrato per qualche minuto i famigliari, la moglie daniela e le figlie.

Anche la Tac di controllo, fatta in piena notte, ha confermato l’evoluzione positiva delle condizioni cliniche, recita sempre il bollettino.

Bersani è ancora ricoverato in rianimazione e la prognosi rimane riservata, come da prassi. Al momento, secondo i medici, non presenta deficit neurologici.

Quello condotto dall’equipe del dottor Ermanno Giombelli ieri sera è stato un intervento complesso ma tecnicamente riuscito. L’equipe guidata dal primario di neurochirurgia dell’Ospedale di Parma ha rimosso l’aneurisma alla base dell’emorragia celebrale che ha colpito l’ex segretario Pd nella mattinata del 5 gennaio.

L’intervento, durato poco più di 3 ore e mezzo (iniziato alle 18.30 e terminato intorno alle 22), è stato deciso dai medici parmigiani dopo un’angiografia. Bersani era arrivato a Parma nel primo pomeriggio di ieri dopo che si era sentito male, poco prima di pranzo, mentre si trovava nella sua casa di Piacenza. Il dolore al capo, la nausea e lo stordimento; la telefonata al fratello Giovanni, medico, e la scelta di andare al pronto soccorso di Piacenza. Da qui, dopo la Tac, il trasferimento in eliambulanza a Parma.

Continua intanto la solidarietà dei compagni di partito e nel pomeriggio è data quasi per certa la visita del segretario democratico Matteo Renzi. Dopo un assordante silenzio di molte ore, anche Beppe Grillo ha espresso solidarietà al’ex leader democratico: “Bersani ti aspettiamo, non far scherzi” ha scritto l’ex comico sul blog.

 

Di seguito i testi dei bollettini medici diramati dall’Ospedale Maggiore di Parma.

Terzo bollettino, lunedì 6 gennaio, ore 11.41.

“Il decorso post operatorio dell’onorevole Pier Luigi Bersani sta evolvendo in maniera positiva. Il paziente ha trascorso una notte tranquilla, tutti i parametri vitali sono stabili e nella norma.

La Tac di controllo, effettuata alle ore 2.00, ha confermato l’evoluzione positiva delle condizioni cliniche.

L’onorevole Bersani non presenta al momento deficit neurologici, è stubato, senza sedazione, vigile ed ha potuto conversare direttamente con i propri familiari. Il paziente rimane ricoverato in Rianimazione e la prognosi resta riservata, come abitualmente previsto nel decorso di tali patologie”.

 

Secondo bollettino, domenica 5 gennaio, ore 23.36.

“E’ da poco terminato l’intervento chirurgico di occlusione dell’aneurisma cerebrale che aveva provocato l’emorragia subarcnoidea. L’intervento, durato all’incirca 3 ore, è stato effettuato dal dott. Ermanno Giombelli e dalla sua equipe e si è concluso positivamente intorno alle 22.00 di oggi. Le condizioni del paziente sono stabili e la prognosi, al momento, rimane riservata. Seguirà un prossimo bollettino medico nella tarda mattinata di domani”.

 

Primo bollettino, domenica 5 gennaio, ore 17.34.

“Oggi, domenica 5 gennaio 2014, è stato trasferito presso la struttura di Neurochirurgia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma l’onorevole Pierluigi Bersani a seguito di un’improvvisa emorragia subaracnoidea diagnosticata poco prima presso l’Ospedale di Piacenza.

Dopo i primi accertamenti che hanno confermato la diagnosi si è individuata con un’indagine angiografica la causa dell’emorragia e si è quindi successivamente deciso di sottoporlo ad un intervento neurochirurgico che verrà effettuato nel tardo pomeriggio di oggi”.

 

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.